6

Il primo mese dell'anno è sempre quello più faticoso.

Si chiude il bilancio dell'anno precedente, si programmano i mesi futuri, si sogna, si fa progetti...

Tutto appare in salita, faticoso e pesante.

Assieme ai miei obiettivi (preferisco usare questo termine anziché propositi), quest'anno ho scelto una parola chiave.

Una parola chiave è un termine scelto e selezionato con accuratezza che ci serve per focalizzare e incanalare tutti i nostri sforzi e ci aiuta nel raggiungimento degli obiettivi che ci siamo prefissati.

La parola chiave illumina il nostro cammino e da coesione ai nostri obiettivi che non sono più solo fini a se stessi.

"Crescita" è la mia parola chiave per il 2018.

Crescita per me non è sinonimo di invecchiare, ma di imparare.

Si parla di crescita professionale, perché quando si lavora anche se non ci sono possibilità di carriera qualcosa di nuovo si può sempre imparare.

Ma soprattutto si parla di crescita personale.

Per crescere a livello personale bisogna essere attivi e dedicarsi ai propri interessi, magari provando anche qualcosa di nuovo.

Per cui via a letture di qualsiasi genere, magari ogni tanto anche qualche saggio o qualche manuale di SEO e di blogging, servendomi dei canali tradizionali ma anche di quelli social.

Ho tanti film e tante serie che vorrei riuscire a vedere, alcune più leggere ed altre più impegnative.

La mia crescita personale passa sicuramente attraverso i viaggi.

Anche se non andrò in Tibet o in Madagascar nel mio piccolo cercherò di visitare posti nuovi o di vedere con nuovi occhi quello che ho già visto.

Crescita significa anche continuare il percorso da mamma, che qui nessuno ti può insegnare, per imparare bisogna lavorare sul campo, imparare a conoscere i propri figli, attraverso l'ascolto e il dialogo.

Crescere significa lavorare sodo su se stessi, perché imparare a volte è faticoso.

Certe lezioni purtroppo le impariamo nel modo più doloroso sulla nostra pelle.

Ma io sono ottimista. So di essere fortunataper tante cose, primo fra tutti perché posso contare sul sostegno delle persone che mi circondano e mi vogliono bene.

Sono sicura che ci saranno momenti brutti, magari difficili, spero non tragici.

L'importante è non lasciarsi abbattere, ma continuare con tenacia e costanza, senza demordere.

E voi, amiche e amici, avete scelto la vostra parola-guida per quest'anno?

4

Durante il periodo natalizio io e CF siamo riusciti a concederci un viaggio non programmato di tre giorni in Francia, più di preciso in Alsazia.

L'ultimo viaggio che abbiamo fatto da soli è quello che risale a quest'estate, in Slovenia.

L'idea è nata il 25 dicembre, a tavola, durante il pranzo di Natale, quando i nonnii sono stati obbligati si sono gentilmente offerti di tenere i bambini tre giorni assieme al nostro nipotino.

Detto fatto, ho proposto al mio compagno di mille avventure di fare un salto oltre le Alpi, in Alsazia.

L'Alsazia è una regione che si trova sul confine orientale francese, vicino alla Svizzera e alla Germania.

E' un territorio molto interessante, punteggiato da borghi pittoreschi e da città affascinanti.

In teoria la nostra idea iniziale prevedeva di partire la mattina del 27 dicembre e di visitare Eguisheim e Colmar, pernottare nelle vicinanze e il 28 dicembre dirigerci a Strasburgo.

In realtà alle ore 14 del 26 dicembre CF mi ha convinto a partire immediatamente, visto che non avevamo nulla di meglio da fare, in modo da guadagnare mezza giornata.

Beh, che ci crediate o meno, in due ore avevo sistemato casa, preparato il minimo indispensabile per noi due e per i bambini e arruolato un amico fidato per occuparsi dei nostri pets

Giusto il tempo di portare un felicissimo Ringhio e un'iper eccitata Ninfa a casa dei nonni e il nostro viaggio ha avuto inizio.

IN VIAGGIO VERSO EGUISHEM E COLMAR

Siccome non siamo molto distanti dalla Francia, abbiamo optato per fare il viaggio in auto.

L'itinerario scelto comportava il passaggio per la Svizzera, attraverso il San Gottardo.

Se decidete come noi di muovervi nel periodo invernale, assicuratevi sempre di avere gli pneumatici invernali o le catene a bordo.

Le strade sono ghiacciate e non è raro trovare la neve.

Paesaggio innevato nei pressi del San Gottardo
Paesaggio nei pressi del San Gottardo

Detto questo, siamo partiti debitamente equipaggiati per trascorrere le giornate all'aperto: abbigliamento caldo ma traspirante, parka impermeabile, calzature comode, guanti e cappello.

Non avevamo prenotato nulla per dormire, ma verso le nove ci siamo imbattuti in modo del tutto casuale in un Holiday Inn Express lungo la strada Neuenkirch-Luzern.

Infatti Eguisheim e Colmar distano solo un paio di ore da lì per cui abbiamo deciso di prendercela comoda e arrivare a destinazione la mattina dopo.

EGUISHEIN E COLMAR

Eguishein è primo borgo che abbiamo visitato. E' un paesino piccolo, di circa 2.000 abitanti, ma risulta essere sovraffollato nel periodo natalizio, così come in primavera inoltrata.

E' così bello che i Francesi stessi l'hanno eletto loro borgo preferito per eccellenza.

Eguishein è circondato da un'antica cerchia di mura che risale al dodicesimo secolo.

Mappa del borgo di Eguisheim, dalla caratterisctica forma circolare
Mappa del borgo di Eguisheim, dalla caratterisctica forma circolare

Ogni cosa all'interno delle mura pare essersi fermata, quasi come per magia.

Visitare Eguishein, anche in un giorno piovigginoso, è sempre meraviglioso.

Le tipiche case con graticcio, chiamate colombages, sono già di per sé affascinanti, ma se vengono addobbate per Natale diventano veramente fantastiche.

Scorcio di Eguisheim, con le caratteristiche case a graticcio
Scorcio di Eguisheim, con le caratteristiche case a graticcio
Uno dei vicoli di Eguisheim addobbato con le classiche decorazioni natalizie
Uno dei vicoli di Eguisheim addobbato con le classiche decorazioni natalizie

E' bello inoltrarsi tra i vicoletti medievali, osservare i cortili dove spesso ci si imbatte nelle botti o nei torchi, o in vecchi utensili per imbottigliare i vini.

Un vecchio macchinario per tappare le bottiglie di vino in uno dei cortili di Eguish
Un vecchio macchinario per tappare le bottiglie di vino in uno dei cortili di Eguisheim

Eguishein, come la poco distante Colmar, si trova infatti sulla "strada dei vini", un'area di circa 200 Km. famosa per la produzione vinicola.

Naturalmente, essendo a Natale, il borgo era costellato di bancarelle che vendevano prodotti tipici: dal piccolo artigianato locale ai prodotti enogastronomici.

Piazza di Eguisheim, con le classiche bancarelle di Natale
Piazza di Eguisheim, con le classiche bancarelle di Natale

Per riscaldarci, io e CF ci siamo subito presi un bicchiere di vino caldo aromatizzato con miele e spezie, da degustare ammirando il pigeonnier, un edificio dalla forma particolare che anticamente era una piccionaia.

Vista della "piccionaia" da uno dei vicoletti di Eguisheim
Vista della "piccionaia" da uno dei vicoletti di Eguisheim

Quasi tutti gli edifici, sfarzosamente addobbati con luci, festoni, pupazzi e chi più ne ha più ne metta, presentano delle iscrizioni in tedesco (l'Alsazia nei tempi che furono apparteneva alle terre tedesche).

Uno degli abitanti del luogo ci spiega che sono piccole preghiere per proteggere le case, soprattutto dagli incendi che pare abbiano devastato il borgo più di una volta.

Eguisheim, piazza principale
Eguisheim, piazza principale

La nostra guida improvvisata ci invita a tornare a Eguisheim in primavera, per ammirarla in piena fioritura e per vedere le cicogne, il simbolo dell'Alsazia.

L'omino ci spiega gentilmente che proprio il campanile della chiesa ospita un grosso nido di cicogna.

Ed io capisco perché ogni cosa qui a Eguisheim reca impresso il disegno di questo volatile, dai tovaglioli alle tazze.

Le cicogne, simbolo dell'Alsazia, sul campanile di Eguisheim (ovviamente questa foto l'ho trovata in rete. Le cicogne arrivano in primavera)
Le cicogne, simbolo dell'Alsazia, sul campanile di Eguisheim (ovviamente questa foto l'ho trovata in rete. Le cicogne arrivano in primavera)

Dopo un paio di ore e altrettanti bicchieri di vino caldo (che qui è venduto ad ogni angolo, in versione bianca e rossa) e dopo aver provato il pain d'epices, un dolce tipico natalizio speziato che si può trovare in diverse varianti (noci, agrumi, cioccolato, senza niente...), torniamo alla nostra auto e ci dirigiamo a Colmar.

(to be continued...)

Secondo giorno di vita post vacanze natalizie.

Se ieri pensavo di aver ripreso la solita vita in maniera abbastanza soft, oggi ho dovuto ricredermi.

La solita vita infatti mi ha mollato un ceffone a mano aperta in pieno viso.

Stamattina per fare emergere i bambini da sotto il piumone ci ha pensato CF, con un bieco ricatto: " Forza, se non vi alzate dal letto oggi all'asilo vi accompagno io!"

Che poi proprio non capisco, ma non dicevano che le figlie femmine hanno un rapporto particolare con il papà?

Beh, se per particolare intendono che se lo filano solo in caso di disperata necessità allora ci siamo.

I pupi si sono fiondati in bagno. La nostra casetta piccina picciò è dotata di un solo bagno.

Già da ora ogni volta è un litigio su chi deve andarci per primo.

Regola che non vale per la mamma, ché lì si sa che le sedute si svolgono a porte aperte ed ognuno è libero di entrare, uscire e sostare a proprio piacimento, gatti compresi.

Sedata la litigata su chi aveva il diritto sacrosanto di fare pipì per primo -metteremo un cartello con l'ordine di ingresso o magari adotteremo i numerini del supermercato-, tutti a vestirsi.

E qui scatta la gara, che vede contrapporsi la squadra madre-figlia e padre-figlio (non per sessismo, ma per il suddetto rapporto figlia-padre).

Ovviamente vinciamo noi, figurati se loro hanno qualche chance.

A tavola si riaccende lo spirito competitivo: chi finisce prima la colazione ha vinto.

Ma che cosa poi, un mal di stomaco?

I pupi si gettano famelici sulle tazze di latte e si ingozzano di biscotti e fette.

Io cerco di mantenere un atteggiamento zen: stamattina sicuramente non devo dir loro di mangiare in fretta.

Il mantra mattutino invece è "State attenti non fate cadere il latte, la tazza e tutto il resto", in simbiosi con le occhiate dardeggianti che scaglio a CF, mentre sulla mia fronte passa a chiare lettere la scritta: "Se succede qualcosa pulisci tu!".

Caffè, fette con marmellata e miele, spremuta d'arancia intanto che ripasso mentalmente la scaletta della giornata.

Mi chiedo se abbiamo preparato tutto, se ho concordato con CF chi deve fare cosa, se i nonni sono ok in caso di emergenza, se se se.

Perché io ve lo dico, eh, se salta un incastro qui salta tutto.

Quasi quasi mi scappa un "Sincronizziamo gli orologi!".

CF infila ai bambini giacche e scarpe, io li infilo in macchina e faccio tappa veloce alla materna.

Sono i primi, come sempre, baci bacini bacetti e la mamma con il suo bolide affronta il tragitto per il lavoro.

Radio accesa, pilota automatico inserito, mi perdo nei miei pensieri.

Ed è l'unico momento della giornata in cui faccio solo due cose contemporaneamente: guidare e pensare.

Chè già son troppe, soprattutto per una che non è un asso al volante.

In ufficio, si innesta la solita routine, con la presenza piacevole dell'amica con cui chiacchierare di quando in quando.

Il ritorno alla normalità ha sicuramente dei lati positivi: la tisana delle dieci e quella delle 16,30, le confidenze scambiate alla scrivania...

Il tempo che scorre via veloce, a volte troppo, come l'acqua dalle mani.

E la lotta contro il tempo è la costante del mio ritorno alla normalità.

In pausa pranzo volo veloce a casa, mezz'ora di macchina all'andata, mezz'ora al ritorno, quaranta minuti di sosta a disposizione.

Giusto quel che mi serve per mangiare, scambiare due parole con CF per vedere se tutto procede secondo i piani, sbrigare faccende varie e ritornare in ufficio.

Quando si torna alla normalità si viene catapultati in un mondo che viaggia a mille: niente polleggiamenti, pisolini, sieste.

E' come stare su un tapis-roulant: se ti fermi o rallenti vieni irrimediabilmente buttato giù.

E quando arrivi a sera, oh, prima di tirare il fiato ce ne vuole.

I bambini, piccoli tiranni, che pretendono -assurdo, non vi pare?- una massiccia dose di attenzioni: guarda prima me, no me, senti qua, ti racconto là, fammi una coccola, prendimi in braccio...

Cerco di godermi ogni istante della cena. Questa settimana CF è a casa, per cui mangiamo assieme, tutti quanti.

E anche se non sono i pasti luculliani delle feste, hanno un sapore particolare: quello della famiglia, del ritrovarsi, del raccontarsi.

E di nuovo - finalmente!- il tempo rallenta, si dilata, come quando siamo in ferie.

Ci muoviamo seguendo il ritmo indolente delle onde del mare, ci lasciamo cullare dal loro sciabordio, ognuno immerso nel proprio mondo, nei propri pensieri.

Questo è quello che il ritorno alla normalità non ci potrà mai portare via: la consapevolezza che, se anche durante il giorno possiamo sembrare schegge impazzite, la sera possiamo tornare ad essere semplicemente e pienamente noi.

E respirare, per qualche ora, un soffio di libertà.

(Questo post partecipa al tema della settimana #ritonoallanormalità proposto da Arianna, del Blog dei Bonzi).

Primo giorno di ritorno alla vita normale, alla solita vita, alla solita routine.

Il periodo delle ferie natalizie è stata una piacevole parentesi, tanto attesa e desiderata.

Non avere l'obbligo di alzarsi al suono della sveglia, vivere la giornata in modo più lento senza continuare a guardare l'orologio, godere della possibilità di rilassarsi e dedicare a tutti -chi più, chi meno, lo ammetto- le attenzioni che si meritano sono le cose che ho apprezzato di più, quelle di cui durante la solita vita sento maggiormente la mancanza.

Questi quindici giorni sono volati ma al tempo stesso ho avuto l'impressione che le giornate fossero interminabili.

Non so se capita anche a voi, quella strana sensazione di dilatazione temporale che vi fa credere che ogni singolo giorno di vacanza duri quanto una settimana della solita vita.

E non sto parlando della noia, ma proprio dell'intensità e della piacevolezza con cui queste singole giornate vengono vissute, quasi fossero davvero un dono dal cielo.

Con mio grande rammarico questa volta non sono riuscita a festeggiare la vigilia di Natale, come avrei voluto.

Per questione di compatibilità di orari dei vari familiari i festeggiamenti sono ritornati al pranzo del 25 Dicembre.

Abbiamo accolto i parenti nella nostra casetta con un pranzo davvero luculliano, cucinato da me il giorno della vigilia.

Astutamente, infatti, calcolando la presenza dei bambini e l'ansia da prestazione, ho scelto un menù che poteva essere preparato in precedenza.

Ho cucinato per l'intero pomeriggio, poi il progetto prevedeva di andare al cinema con i bambini (tradizione ereditata da quando ero piccola) e tornare per la messa di Natale (anche se non sono religiosa, ho sempre amato la messa di mezzanotte, la trovo particolarmente suggestiva).

Invece i pupi si sono addormentati verso le 20 e né io né CF abbiamo avuto cuore di svegliarli.

Il giorno di Natale abbiamo riabbracciato i nonni materni, arrivati dalla Spagna, mio fratello con il mio nipotino e i nonni paterni.

Qui da noi non c'è la tradizione dello scambio dei doni a Natale. I bambini infatti ricevono giochi e dolci il giorno di Santa Lucia e dei grandi a quanto pare non frega molto a nessuno.

Però nella mia famiglia i regali di Natalesono sempre stati un must e CF ha accolto con piacere questa usanza.

Per quest'anno mi sono orientata verso i libri, per cui ho donato un rene ad un paio di librerie, ma ognuno dei miei familiari ha ricevuto un libro pensato e ragionato.

Ovviamente anche la Ninfa e Ringhio hanno avuto il loro regalo. Santa Lucia infatti lascia i giochi e i dolci, ma tutto il resto a casa nostra lo porta Babbo Natale e qualcosa pure la Befana.

E' stata una giornata molto piacevole, senza incidenti diplomatici o capricci estenuanti.

Santo Stefano mi ha portato una gradita sorpresa: un viaggio di tre giorni con CF in Francia, che merita sicuramente un post a parte.

Capodanno ci ha trovato di nuovo nel nostro rifugio in compagnia di una coppia di amici storica, che risale ai tempi dell'università.

Sono arrivati carichi di ogni ben di Dio e accompagnati dal loro cucciolo di Pastore Tedescoche ha fatto la felicità dei bambini.

Il primo dell'anno ha bussato alla nostra porta e ha trovato i bimbi con l'influenza.

Niente di sorprendente, sapevo che sarebbe successo: questa volta il contagio è partito dal mio nipotino e si è esteso a tutti i membri della famiglia tranne la sottoscritta.

Gli altri giorni quindi ho soddisfatto il mio lato da crocerossina barcamenandomi tra bambini, nonni (sì, tutti e quattro) e CF, il quale oltre all'influenza è rimasto bloccato con la gamba per un'infiammazione al nervo sciatico che stiamo curando con simpatiche punture di cortisone.

La Befana è passata quasi in sordina, riempiendo tutte le calze con dolciumi e lasciando ai bimbi un album da colorare.

E ora siamo qua, il primo giorno della solita vita.

Alzati all'alba, colazionetranquilla perché ogni cosa era stata accuratamente preparata ieri: i bambini hanno scelto i loro vestiti e si sono preparati lo zainetto della materna, la previdente mamma ha caricato tutto in auto ieri sera così stamattina la ripresa è stato più delicata.

Tornare in ufficio dopo quindici giorni di assenza è sempre una botta, ma dopo un paio di ore ci si è già riabituati.

Il bello della solita vita è che è uguale solo in apparenza: le esperienze che abbiamo vissuto, la gente che abbiamo incontrato, quello che abbiamo letto, imparato, scambiato alla fine da a tutto un nuovo sapore.

Anche al primo lunedì lavorativo del nuovo anno.

 

 

2

Ben ritrovate, care amiche!

Ci siamo lasciate nel 2017 e in un lampo ci ritroviamo scaraventate già nel nuovo anno.

Inutile scusarmi per questo silenzio. Come ben sapete, quando sono a casa in ferie - se le vogliamo chiamare così- mi risulta difficile anche solo avvicinarmi fisicamente al computer.

Del resto, non sono una mamma blogger di professione, sono ancora a livello amatoriale, per cui perdonatemi, devo ancora capire bene come organizzarmi meglio su questo punto.

Ecco, me ne sono già uscita con il buon proposito di turno!

Del resto, si sa, anno nuovo vita nuova. E il nuovo anno tradizionalmente si inizia stillando interminabili liste mentali fitte fitte di buoni propositi.

Salvo poi ritrovarsi, già verso fine Febbraio, con un senso di frustrazione esagerato per non essere riuscite nei nostri intenti.

A fare liste son bravi tutti, ma portare a termine quello che ci siamo prefissate invece è un altro paio di maniche.

Ecco perché da anni non faccio più buoni propositi. Ho cambiato impostazione mentale e ho trovato un metodo più concreto che mi aiuta a realizzare i miei obiettivi.

PROPOSITI REALIZZABILI PER IL NUOVO ANNO

Per prima cosa, ho imparato che i buoni propositi devono essere concreti e realizzabili.

Basta pensare a livello generale, provate a rendere i vostri desideri quantificabili e misurabili.

"Perdere peso" è un concetto generico. Invece che esprimerlo così, chiedetevi in termini concreti cosa significa: seguire un'alimentazione più equilibrata, mangiare in modo più sano, muoversi di più...

Così facendo avete già suddiviso il vostro pensiero generale in obiettivi intermedi che possono a loro volta essere frammentati in altri passi ancor più terra terra.

"Seguire un'alimentazione più equilibrata" vuol dire preferire alimenti freschi rispetto a quelli confezionati che concretamente si traduce con un semplicissimo " evitare o limitare il consumo di merendine, patatine o alimenti già pronti".

Ho voluto farvi questo esempio per dimostrarvi che quando si passa a parlare di obiettivi concreti anziché di buoni propositi si introducono delle azioni reali che se seguite ci conducono a risultati che possiamo misurare e quantificare.

In questo modo fare centro è molto più semplice.

L'altro piccolo consiglio che posso darvi è questo: tagliare il traguardo è questione di pazienza, tenacia e organizzazione.

Cambiare abitudini è davvero difficile, ma non impossibile. Invece che fare un passo da gigante, è meglio fare piccoli passi ma in maniera costante e continua.

Non introducete un cambiamento grande tutto di colpo, piuttosto procedete per gradi, con piccoli cambiamenti che a lungo andare diventano nuove abitudini.

BUONI PROPOSITI PER IL NUOVO ANNO

Ecco, ci siamo. Abbiamo appreso la teoria, ora mettiamola in pratica.

Questa è la mia lista scritta di quello che mi ripropongo di realizzare nel corso del 2018:

  • trovare e scrivere ogni giorno tre cose per cui sono grata;
  • fare almeno trenta minuti di esercizio al giorno, che sia una semplice passeggiata o una sessione con l'ellittica;
  • progettare tre viaggi, due brevi e uno lungo;
  • dedicare mezz'ora al giorno solo a me stessa: dalla maschera alla lettura di un capitolo di un libro;
  • ridere di più.

Ora lancio a voi la palla: come pensate di migliorare il vostro 2018?

Come sempre, aspetto i vostri commenti.

E qualunque siano i vostri buoni propositi, ops, i vostri obiettivi, vi auguro uno strepitoso 2018!

4

In questo venerdì pre natalizio (oramai siamo davvero agli sgoccioli) vi parlo di un libro leggero e divertente, ideale da regalare alla mamma e, perché no, anche alla suocera, se siete a corto di idee.

"A NEVE FERMA" di Stefania Bertola

Conosco Stefania Bertola per il suo splendido lavoro di traduttrice ed è stata per me una vera sorpresa scoprire che in realtà è anche una scrittrice.

Al suo attivo ha molti scritti, tra cui "Se mi lasci fa male" e "Biscotti e sospetti".

"A neve ferma" non è un libro recente, è stato pubblicato quasi dieci anni or sono.

Ciò non toglie che sia sempre un romanzo attuale, specialmente ora che tutto ciò che ruota attorno alla cucina (inteso come arte culinaria e non come ambiente domestico) sta vivendo un discreto successo.

Stefania Bertola ci cala nella sua città, Torino, e precisamente nella famosissima "Pasticceria Delacroix".

Qui troviamo Emma, Bianca e Tinto, tre amici che sbarcano il lunario lavorando come camerieri e aiutando un po' nel laboratorio della pasticceria.

Emma, ragazza molto intelligente con una laurea in tasca, molla un sicuro futuro nell'ambito dell'insegnamento per dedicarsi alla pasticceria, sogno di una vita.

Bianca invece non ha ancora trovato la sua vocazione e prova qualsiasi cosa, dall'acquarello alla fotografia.

Tinto, beh, Tinto è Tinto, giovane e rampante innamorato di Valentina.

Emma ha da poco perso l'amore della sua vita, Andrea Delacroix, che corona il suo sogno di fidanzarsi con una famosa attrice francese.

Sull'orlo di una crisi esistenziale, la nostra aspirante pasticcera viene scelta dal padre di Andrea per un'importantissima gara di pasticceria da cui dipendono le intere sorti della famiglia Delacroix.

In quest'avventura, capitatale tra capo e collo, Emma viene affiancata dall'amica di sempre Bianca e dalla giovanissima Camelia, figlia naturale del signor Delacroix e di Elena, sua fedele collaboratrice.

Elena, da sempre innamorata del suo datore di lavoro che la considera invece come una scappatella passeggera dei tempi andati, sfodera l'arma della figlia per indurre l'uomo a sposarla.

Ma la povera Camelia non è il solo asso nella manica di Elena: la ragazzina infatti è l'unica a possedere il quaderno nero, ossia il taccuino su cui il nonno, espertissimo pasticcere, trascriveva le sue preziosissime ricette.

Peccato che non ricordi dove sia finito...

Facendo leva su questo, Elena riesce a convincere Camelia a partecipare da titolare al concorso.

La quattordicenne però a ben altro per la testa. Innanzi tutto è negata per la cucina, odia i dolci e ha la tendenza ad innamorarsi del primo venuto.

Queste le basi per scatenare esilaranti scenette attraverso cui l'autrice, con uno stile fresco e umoristico, ci condurrà all'inevitabile lieto fine.

"A neve ferma" è un libro divertente, romantico e leggero che ben si adatta per letture poco impegnative, compagno ideale per un momento di evasione.

Lo stile narrativo della Bertola, mai pesante o pieno di orpelli, rende la lettura scorrevole e coinvolgente.

La galleria dei personaggi, così variopinti e particolari, desta la curiosità del lettore.

Aggiungiamo quel pizzico di pathos e di romanticismo che non guasta mai ed otteniamo un romanzo giusto giusto da clima natalizio.

Come sempre, un grandissimo ringraziamento a Paola, di Homemademamma, creatrice del venerdì del libro.

Con questo suggerimento vi auguro buona lettura e buone feste!