I SIGNORI DELLA NOTTE- COME VIVERE CON UN GATTO

Mi piacciono gli animali, tutti quanti. Da bambina sognavo di vivere in un'enorme fattoria, con mucche, cavalli, pecore e via dicendo

Quando sono cresciuta, ho deciso che da grande avrei fatto la veterinaria.

Ma il sogno si è infranto quando ho scoperto che tra le incombenze dei veterinari rientra anche la soppressione degli animali malati che stanno soffrendo troppo. Non ce l'avrei mai potuta fare.

Ho sempre avuto amici a quattro zampe e non solo.

Attualmente la nostra famiglia comprende due gatti, un cane, una coppia di criceti e un acquario di pesci.

Amo ognuno di loro, ma la mia istintiva preferenza va ai felini.

Non ho a livello conscio una spiegazione precisa. E' così e basta.

Quando sono andata a vivere con CF ho messo subito in chiaro che avremmo avuto dei gatti. Il povero, che mi ama alla follia, ha acconsentito ingenuamente.

Lui è cresciuto con un cane e non sapeva a cosa andava incontro. Ora che lo sa, sarebbe ben felice di barattare i mici con qualsiasi altra cosa, vivente o meno.

I nostri gatti, un maschio e una femmina, provengono da un gattile di zona. Sono dei meticci, uno a pelo lungo e l'altra a pelo corto.

Come nella più consona tradizione sessista, il maschio è un pezzo di pane e la femmina è una vipera. Lui si fa fare di tutto, anche dai bambini.

La Ninfa qualche anno fa l'ha perfino colorato con i pennarell, perché "era troppo bianco". La gatta è più schiva, quando ci sono i bambini mantiene le distanze.

Come dice sempre CF, i gatti sono i "miei" gatti, rimarcato e sottolineato. Il che vuol dire che ogni marachella che combinano è responsabilità mia.

Sono una bella coppia di matti. La cosa che li diverte di più è giocare durante la notte.

Non appena tutti siamo nel mondo dei sogni loro si scatenano. Cominciano a correre e saltare sui letti, si fanno gli agguati saltando fuori da sotto i letti, si arrampicano sui mobili e in picchiata piombano l'uno addosso all'altra.

Se siete deboli di cuore, amiche, non prendete gatti ad abitare con voi.

Se siete sotto le coperte e distrattamente muovete un piede, zac! Il gatto vi colpirà all'improvviso.

Se vi alzate per andare a prendere un bicchiere d'acqua, il gatto si materializzerà dal nulla al vostro fianco.

Quando rientrate nel letto, lo troverete acciambellato sul vostro cuscino.

Non provate a leggere con un gatto al vostro fianco: si stenderà del tutto casualmente sulla pagina che state guardando.

I felini si sentono i padroni assoluti della casa e se qualcosa non va, protestano vivamente.

Non sottovalutate le loro proteste, potreste pentirvene. La mia gatta è vendicativa e quando un membro della famiglia le fa uno sgarro, trova sempre il modo per rendere pan per focaccia.

L'altra volta l'ho sgridata perché si faceva le unghie sul divano (ha un bellissimo tiragraffi) e con perfetta puntualità mi ha staccato ad uno ad uno tutti i fiori dell'orchidea. Ma questo è un caso limite, almeno spero.

I gatti sono giocherelloni, ma sono anche coccoloni. Ai miei piace farsi accarezzare per ore, soprattutto la sera.

Mi seguono e appena capiscono che ho finito di fare qualsiasi cosa io stia facendo, si strofinano sulle mie gambe.

Ci mettiamo sul divano e lì si apre la sessione delle coccole, che fosse per loro durerebbe all'infinito.

La Ninfa ha scoperto da poco che se fa i grattini sulla testa di JJ lui si scatena e fa le fusa molto rumorosamente. A lei questo piace molto per cui la sera, prima di addormentarsi, intanto che ascolta la favola, si accoccolano assieme nel letto e lei si addormenta cullata dal ritmico ron-ron.

Ringhio invece è nella fase "spaventiamo i gatti": li insegue tentando di metterli all'angolo o si avvicina di soppiatto quando dormono e urla in maniera agghiacciante. La micia ovviamente non gradisce.

Sospetto che sia lei la responsabile della sparizione di un piccolo peluche con cui giocava sempre il pupo.

Compagno dal canto suo sopporta tutto questo più o meno stoicamente.

Sorveglia Ringhio per intervenire in caso gli scherzi si facciano più pesanti. Osserva i gatti per vedere che durante le loro scorribande non danneggino troppo la casa (per ora i segni del loro passaggio si possono notare su divani, sedie e tappeti).

E si lamenta incessantemente con me, dicendo che vivere con loro è impossibile, salvo poi strapazzare di coccole il povero JJ non appena mi volto dall'altra parte.

Del resto però gli istinti animali non si possono sopprimere, lo dice anche la scienza.

Io mi godo i miei gatti, che contrariamente a quanto sostenuto, mi fanno un sacco di feste non appena entro in casa, mi seguono come un'ombra e mi consolano come solo loro sanno fare quando sono triste.

Spero di essere capace di trasmettere ai miei figli l'amore e il rispetto per le creature viventi, siano cani, gatti o formiche. Penso però di essere sulla buona strada...

images

[...] Il gatto è libero e non si adatterà mai a essere schiavo. Non fa nulla su vostro ordine, come fanno gli altri animali. (Rousseau)

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *