HALLOWEEN NON E’ UNA FESTA PER TUTTI

Siamo all'inizio di Novembre e i più fortunati tornano a lavorare dopo un ponte di due giorni. I più  avranno passato il fine settimana e la festa di Halloween a riposarsi e divertirsi. Tra questi magari anche alcune mamme. Ovviamente io non sono tra quelle.

Io sono tra quei pochi sfortunati che il 31 non hanno fatto il ponte ma la sera hanno deciso di festeggiare comunque. Perché oramai chi non festeggia il 31 ottobre? Quindi  esco dal lavoro e mi scapicollo per arrivare a casa il prima possibile. Alle ore 20.30 abbiamo appuntamento a casa di amici per la classica festa in maschera fatta a misura di bambino.

Arrivo a casa e trovo Compagno Fedele già in fermento che ha fatto il bagno ai bambini e aspetta me per travestirli. I due girano mezzi nudi per la casa elettrizzati come dopo aver mangiato due cucchiai di zucchero. Mi tolgo scarpe-giacca-borsa e recupero il necessario.

La Ninfa è dotata di cerchietto con orecchiette da gatto, leggins e maglietta nera. Deve solo essere truccata. Quindi le dico di vestirsi. Ringhio invece ha un pigiamino rosso fuoco, cerchietto con piccole corna luminose e una piccola forca nera. Incarico CF di vestirlo e corro a preparare il dolce.

Quest'anno è toccato alla torta morbida alla zucca. Intanto che preparo gli ingredienti, il bzz-bzzz del telefono mi avverte che è arrivato un messaggio. Il gruppo di what's up è quello relativo alla festicciola, ovviamente.

"Ciao, sono P. mamma di E.Stasera non veniamo perché E. ha la febbre, crediamo sia solo influenza"

Seguono raffiche di "Oh, speriamo si riprenda presto", "Che peccato!" "Mi dispiace" e via discorrendo.

Butto nella'impastatrice farina zucchero uova e impasto. Intanto CF è riuscito a preparare Ringhio che non vuole indossare il cerchietto con le corna.

"Mamma, lui è un maschio il cerchietto me lo metto io!" E addio alle orecchiette da gatta.

Bzzz-bzzz-bzzz. CF guarda il telefonino e legge: "Ciao, sono D. papà di F.Stasera non ci siamo perché la mamma di F. è indisposta". CF mi guarda e sogghigna sornione:" E' la classica scusa per dire che hanno litigato". Poi si dilegua come solo lui sa fare.

Verso l'impasto nella tortiera. La Ninfa mi raggiunge e comincia a martellarmi: "Mamma mi trucchi? Mamma mi trucchi?". Inutile tentare di sottrarsi. Prendo la matita nera e le disegno dei bei baffi sulle guance e un bel nasino nero.

Soddisfatta, torna a giocare. Bevo un bicchiere di acqua. Cosa darei per un prosecco o meglio ancora per qualcosa di più forte! Inforno la torta e comincio a dare da mangiare nell'ordine ai gatti, ai criceti e ai pesci. Il cane riceverà la pappa dopo, quando usciremo. Sto versando il mangime nell'acqua dei pesci quando tutto piomba nel buio più assoluto.

CF ha acceso il phon in concomitanza con il forno. Sospiro e a tentoni raggiungo il pannello per far tornare l'elettricità.

Pam, pum, sbang....Ueeeeeeee! La luce torna e trovo Ringhio in lacrime: è inciampato nei giochi sul pavimento e ha picchiato la fronte contro il muro. Lo prendo in braccio e lo bagno con l'acqua fredda. CF compare con aria colpevole. Lo incenerisco e continuo a consolare Ringhio. Sulla fronte ha un bel paio di bozzi rossi. Le corna non servono più adesso.

Lascio i pargoli col padre e vado a prepararmi. Nel bagno pare ci sia stata un'esondazione: acqua ovunque, vapore che rende impossibile vedere la parete di fronte, aroma pestilenziale di dopobarba. Apro la finestra, faccio cambiare l'aria con abbassamento drastico della temperatura. Pazienza, mi lavo in fretta e comincio a vestirmi. Toc toc toc toc... " Mamma, la sveglia è suonata!".

Merda, la torta! Corro in cucina lasciando orme bagnate sul pavimento, afferro il guanto e sforno il dolce, che sembra in buone condizioni. Lo posiziono su una gratella per farlo raffreddare e finisco di prepararmi. Mi guardo sconsolata allo specchio: ho l'aria talmente sfatta con dei bei cerchi neri che quasi quasi non mi trucco neppure...

Sto finendo di sistemarmi quando una lacrimante Ninfa mi raggiunge.

"Amore che è successo?"

"Guarda cosa mi ha fatto Ringhio" E mi mostra l'avambraccio su cui è stampato un bell'orologio.

La consolo pazientemente, mentre lancio un'occhiata assassina a suo fratello. Le lacrime hanno ridotto il suo viso a un'unica macchia nera, quindi la lavo e la trucco di nuovo.

Seguita dai pupi, torno in cucina per spolverizzare la torta con lo zucchero a velo. I bambini mi aiutano a posizionare la scritta e il disegno della zucca sulla torta e poi cospargiamo il tutto con la polverina bianca.

"Che bella!" esclama mia figlia soddisfatta.

Bzzz-bzzz-bzzz. Afferro il telefono e vedo che nel frattempo ho ricevuto trentacinque nuovi messaggi.

"Ciao, la famiglia B. ringrazia per l'invito ma i nostri tre bimbi hanno preso il virus gastrointestinale e stanno vomitando come degli idranti". Risposte a raffica e poi messaggio di V. che ci informa che invece a casa loro l'idrante non è la bocca.

Sospiro e ordino al Compagno di caricare i bambini in macchina e di dare da mangiare al nostro amico a quattro zampe. Mentre sto chiudendo la porta, vedo CF che mi corre incontro con Ringhio tra le braccia.

"Che succede?"

"Puzza da morire. Devi cambiarlo."

E che cavolo però! Sono le 20,20. Arriveremo in ritardo. Cambio il pargolo maleodorante alla velocità della luce, lo metto sul suo seggiolino e partiamo.

Bzzz-bzzz-bzzz. Frugo nella mia enorme borsa e agguanto il telefonino.

"Amici, mi dispiace! Festa annullata perché M. ha preso la piedi-mani-bocca!"

Non credo ai miei occhi!

"Cosa facciamo adesso?"

"Quanti sono quelli sani?" Chiede CF.

Due calcoli rapidi. Credo che tra genitori e bambini siamo circa una decina.

"OK", dice facendo inversione a U "Tutti da noi!".

"Yeeeeeeee", urla felice la Ninfa.

Io non dico niente. Decisamente Halloween non è una festa per tutti.

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *