IL LADRO DI RICORDI #venerdidellibro

"Il ladro di ricordi" della giovane scrittrice napoletana Alessandra Pepino è uno delle letture estive che ho apprezzato di più.

L'autrice ci propone nel suo secondo romanzo due nuove indagini che l'ispettore Jacopo Guerra deve risolvere.

Torniamo quindi nella città di Napoli, terra affascinante e piena di contrasti.

Se da una parte la scrittrice ci descrive una città sfavillante e in festa per l'arrivo del Natale, dall'altra ci propone anche una versione più cupa e opprimente, quella dedita ai traffici loschi e ai sotterfugi.

E' sullo sfondo di vialetti caratteristici, piazze e monumenti famosi che Jacopo Guerra dovrà far luce sul mistero di Elisa, una quindicenne misteriosamente scomparsa.

Forse la sua sparizione trova un antecedente nel rapimento e omicidio di un'altra ragazza avvenuto qualche mese prima.

Un oscuro rapitore sfida apertamente il protagonista, diffondendo qua e là indizi vari e proponendo indovinelli e rompicapi che solo un vero napoletano può riuscire a comprendere.

Ma non è finita qui. Ne "Il ladro di ricordi" l'autrice infatti complica la vicenda mettendo in campo una seconda indagine.

La polizia deve scoprire la verità sull'apparente suicidio di Mario Ossorio, precipitato dalla finestra del suo ufficio.

Come accade spesso, la soluzione si trova nel passato.

Proprio questa è la sfida più grande, il guardarsi dentro e fronteggiare i propri demoni, come fa l'ispettore Jacopo Guerra.

Sulla scia del suo primo romanzo, "Cattivi presagi", Alessandra Pepino torna quindi con una doppia indagine ancora più intricata.

Lo stile fresco e attuale, gli scorci di una Napoli raccontata da chi ci vive e la ama, una caratterizzazione dei personaggi mai banale rendono questo thriller molto scorrevole e avvincente.

"Il ladro di ricordi" ci catapulta di già verso il periodo natalizio, con quelle sue atmosfere apparentemente festose che in realtà nascondono sempre qualcosa.

L'autrice gratta via la superficie dorata della sua città e ci sbatte in faccia a volte anche in maniera brutale tutte le cattiverie e le nefandezze del genere umano.

Allo stesso tempo, la "salvezza" ci arriva da Jacopo Guerra, un uomo come noi, non di certo un santo.

Romanzo ideale per passare le serate fresche di ottobre in buona compagnia.

Fatemi sapere se conoscete Alessandra Pepino e se avete avuto modo di leggere i suoi romanzi.

Come sempre, un grande ringraziamento a Paola di Homemademamma per il suo #venerdìdellibro.

 

6 pensieri su “IL LADRO DI RICORDI #venerdidellibro

  1. Stefania

    Non conosco questa autrice ma conosco una miriade di ispettori - a me più o meno graditi - e puoi dedurre da ciò che il genere mi piace.
    Metto in lista d'attesa (lunghissima ormai!).

    Rispondi
    1. Priscilla

      Wow, Stefania! Mi piacerebbe sapere quali sono gli ispettori che ti piacciono di più. Fammi sapere poi se anche Jacopo può rientrare nella lista di quelli graditi e grazie per essere passata.

      Rispondi
  2. Manu

    Molto interessante... Non conoscevo quest'autrice e mi segno entrambi i titoli. Fra l'altro ho un amore speciale per Napoli e mi piace sempre molto leggere di lei, nel bene e nel male. Bella segnalazione!

    Rispondi
    1. Priscilla

      Ciao Manu, anche io adoro Napoli e mi piacerebbe visitarla per bene. Mi piacciono molto quei romanzi che sanno catturare e rendere con la parola scritta le diverse sfumature di questa città.
      Grazie per aver speso un po'del tuo tempo per leggere il post.
      Se hai dei suggerimenti di romanzi a sfondo partenopeo che valga la pena leggere, fammi sapere.

      Rispondi
  3. elisabetta

    Ciao e grazie per il suggeriemnto. Non conoscevo questa autrice...da come ne racconti, mi viene voglia di andare a leggere questo romanzo...anche per gli scorpi di Napoli! Grazie

    Rispondi
    1. Priscilla

      Elisabetta, lei è un'autrice giovane ( è nata nel 1984) ma secondo me se continua così ne sentiremo parlare sicuramente.
      Grazie per il tuo commento e poi torna e fammi sapere cosa ne pensi del libro.
      Buona lettura!

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *