“LA SOCIETA’ LETTERARIA DI GUERNSEY” #venerdidellibro

Di tutte le cose accadute durante la guerra, questa -allontanare i bambini per cercare di tenerli al sicuro- fu di sicuro la più terribile. Non so come siano riusciti a sopportarlo. Mette a dura prova l'istinto animale di protezione verso i propri piccoli.

Oggi per il venerdì del libro vi voglio parlare brevemente di un bellissimo romanzo epistolare, ricevuto in regalo dalla mia cara amica H., che non finirò mai di ringraziare per questi magnifici doni.

"La società letteraria di Guernsey" è l'unico romanzo scritto da Mary Ann Shaffer.

Siamo nel 1946 e il mondo sta lentamente provando a risollevarsi dalle polveri della Seconda Guerra Mondiale.

A Londra, la giovane scrittrice Juliet, che ha raggiunto il successo con un romanzo satirico durante la guerra, cerca ora l'ispirazione per scrivere un nuovo libro.

Casualmente l'imbeccata le arriva da una lettera proveniente da Guernsey, una delle isole della Manica, unico territorio inglese caduto nelle mani dei tedeschi.

Un abitante del luogo ha comperato un vecchio libro appartenuto alla scrittrice e, trovando il suo indirizzo scritto all'interno, decide di mandarle una lettera.

Tra i due nasce una profonda amicizia e Juliet, incuriosita dall'aneddoto sulla nascita della società letteraria "Torta di Patate", decide di approfondire l'argomento: chiede quindi agli abitanti di Guernsey di scriverle delle lettere per avere il loro punto di vista e per farsi un quadro completo della situazione.

Attraverso le varie voci narranti l'autrice ci parla in modo leggero -ma non per questo spesso meno drammatico- della vita sull'isola durante i cinque anni di occupazione tedesca.

Le storie della guerra si intrecciano a quelle del presente e del passato, fornendo un quadro generale davvero affascinante, tanto che la scrittrice decide di volare là per immergersi in quel luogo unico e particolare.

E lì, su quell'isola quasi dimenticata da tutti, Juliet scopre cos'è realmente l'amicizia e anche qualcosa in più.

Anche se non amo i romanzi epistolari, devo ammettere che questo mi è piaciuto molto.

Mi piace come la scrittrice si approccia al tema della guerra, perché cerca di essere imparziale, sottolineando attraverso vari racconti che anche tra i cattivi si trova sempre qualche persona buona e viceversa.

Quelle narrate sono storie di umanità, di compassione, di amore, di ordinaria follia, di disumana cattiveria.

Lo stile del racconto è limpido e chiaro, senza arzigogoli e inutili giri di parole. Allo stesso tempo però è curato e ricercato.

Si vede che la scrittrice ha lavorato molto per ricercare le informazioni storiche e per ricreare attorno a questo nucleo una storia che fosse il più verosimile possibile.

Assolutamente da leggere, anche per chi come me non ama i romanzi riguardanti le Guerre Mondiali.

E ora che vi ho incuriosito, non vi resta altro da fare che provare.

Dal canto mio, corro a mettere in valigia i libri che mi ripropongo di leggere durante la mia vacanza al mare.

Siete ancora in tempo a suggerirmi qualche titolo!

 

3 pensieri su ““LA SOCIETA’ LETTERARIA DI GUERNSEY” #venerdidellibro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *