LO SPRUZZA-CALMA E LA FATA TRANQUILLINA

"Lo spruzza-calma, bell'idea!"

Ecco quello che ho pensato la prima volta che mi ci sono imbattuta, parlando di bambini e litigi con un'amica.

Lo spruzza-calma, ovvero cosa non si inventano le mamme per cercare di non appiccicare i propri figli al muro quando perdono la pazienza.

Perché, come sicuramente avete capito, io ho due bambini che sono agitati e a volte particolarmente litigiosi.

Siccome non sono una santa ma sono una mamma, pertanto fallibile, va da sé che ogni tanto perdo le staffe e grido con i miei pargoli.

Durante un sentito sfogo con un'amica che ha generato volontariamente quattro figli, soprannominata scherzosamente "l'Espertona", sono venuta a conoscenza di questo fantomatico spruzza-calma.

In soldoni, altro non è se non uno spruzzino riempito di acqua e qualche goccia di olio essenziale.

Il metodo dello spruzza-calma è stato utilizzato con successo perfino dalle insegnanti di scuola per riportare la calma quando la classe era particolarmente agitata.

Si inventa una storia che ruota attorno alla "magia" dello spruzza-calma, la si racconta ai pupi, si vaporizza l'essenza et voilà!

Il gioco è fatto, gli animi si rappacificano e la tranquillità regna sovrana.

Stimolata da quest'idea, sono tornata a casa e ho recuperato uno spruzzino.

L'ho sciacquato per bene e l'ho riempito di acqua tiepida.

Dopo di ché ho aggiunto cinque gocce di olio essenziale di lavanda ( la lavanda, si sa, è nota per i suoi effetti calmanti).

Ho disegnato un'etichetta carina da appiccicare sullo spruzzino e ho riposto il tutto sopra una mensola, in attesa del momento giusto per usarlo.

Non ho dovuto aspettare molto (vi sareste stupite del contrario, vero?).

La Ninfa e Ringhio, come spesso capita a fine giornata, cominciano a litigare per il possesso di un gioco.

"E' mio, lascialo!" urla la pupa

"No, no, no!" replica l'altro.

Serafica, mi avvicino e dico loro di smetterla.

"Ce l'avevo prima io!"

"No, no, no!"

"Su, bambini, adesso state zitti un attimo che la mamma vi racconta una cosa".

Imbronciati, tacciono.

"Sapete bambini che l'altro giorno è passata di qui la fatina Tranquillina?"

I pargoli sgranano gli occhi.

"La fatina Tranquillina, che è amica del Folletto del Lettino, mi ha lasciato questa pozione magica".

E sfodero la mia arma segreta.

La Ninfa e Ringhio guardano lo spruzzino con malcelata curiosità.

"Questa pozione serve quando i bambini litigano o sono molto agitati. Basta spruzzarne un pò e tutto torna tranquillo".

Segue dimostrazione pratica: vaporizzo la pozione magica sulle teste dei fanciulli.

"Sentite che buon odore!"

Annusano l'aria come due segugi.

"Sembra l'odore del fazzoletto della nonna!" esclama la Ninfa.

Fingo indifferenza e sguscio in bagno.

I bambini, momentaneamente distolti dal litigio, giocano sereni.

"Che bello!"- penso seduta sulla tazza -"Funziona davvero!"

Ma come si fa ad essere così ingenue?!

Tre secondi dopo i battibecchi ricominciano.

Riesco ad intervenire in tempo per fermare Ringhio che si sta lanciando addosso alla Ninfa.

"Altolà! Adesso prendiamo lo spruzza-calma e facciamo la magia"

Afferro lo spruzzino e spruzzo lavanda tutt'attorno come se non ci fosse un domani.

"Basta mamma! Non mi piace l'odore del fazzoletto della nonna"

Ripongo la mia arma impropria mentre la nube tossica pian piano si dissolve.

I pupi tornano alle loro attività, momentaneamente placati.

La situazione è instabile come una polveriera.

CF rientra dal lavoro e i bambini gli si precipitano addosso.

Lo seguono come un'ombra per ottenere un briciolo di attenzione.

E il diritto ad utilizzare il tablet.

Dalla camera provengono urla disumane. E' scoppiato l'ennesimo tafferuglio.

Accantono la pentola e mi precipito in aiuto della mia dolce metà.

"Bambini, perché non raccontate al papà che cosa ha portato la Fata Tranquillina?"

Mentre i bimbi spiegano ad un attonito CF tutta la storia, io gli porgo lo spruzza-calma e me ne torno ai fornelli.

La lite invece di placarsi si infervora ancor di più.

"Prima io, prima io!" urla la Ninfa

Un secondo dopo un ferocissimo Ringhio corre per la sala stringendo lo spruzzino tra le mani, tallonato dalla sorella.

"Cosa succede?" chiedo a CF.

"Il tuo coso non funziona. Hanno cominciato a litigare per chi doveva usarlo prima."

"Non è lo spruzza-calma che non funziona, è il tuo cervello! Ovvio che non devono spruzzarlo loro ma tu!!!"

Resto con il mescolo in mano, a guardare i bambini che si accapigliano per l'uso dello spruzzino.

Ma la fata Tranquillina non poteva lasciarmi anche una pozione magica che potenziasse o moltiplicasse i neuroni cerebrali di CF?!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *