L’OMBRELLO GIALLO- #percezione # aedidigitali

"Mamma, continua a piovere!"

La Ninfa stasera pare un tantino giù di corda. Sarà la stanchezza? Di solito non si lamenta mai, al massimo fa i capricci e le sue solite sceneggiate.

Oggi invece sembra che un velo di malinconia le sia piombato addosso, come una cappa pesante.

So che alla materna è stata una giornata pesante: pare che una bimba grande alcuni giorni fa abbia picchiato un bimbo piccolo e le maestre hanno deciso di affrontare il problema con tutta la classe.

Inoltre hanno chiesto che anche noi genitori ci muoviamo in tal senso.

"Non ho voglia di guardare i cartoni". Sbuffa e se ne va in camera.

Spengo tutto e la seguo a ruota, tallonata da Ringhio.

Qui ci vuole un'idea, qualcosa di diverso da solito.

"Facciamo così, bambini, adesso spegniamo tutte le luci, accendiamo un paio di candele e la mamma vi racconta una storia nuova"

"Sì, mamma, una storia diversa. Siccome è autunno e piove, nella storia ci voglio...Un ombrello giallo!".

Rapidi si infilano nei loro lettini. Io mi siedo sul pavimento, in mezzo alla stanza, equidistante dall'uno e dall'altra.

"La nostra storia inizia a Parigi, in un giorno di pioggia, Noah esce di casa e prende le bus. Dietro al finestrino intravede un ombrello giallo, un sole nel grigio del giorno. Noah scende e segue quella macchia soleggiata per i vicoli di Mont Marte e..."

"E...?" domanda la pupa.

"E non riesce a staccare gli occhi da quell'ombrello. Cammina in trance, un piede dietro all'altro. Sta procedendo contromano e si ritrova a scansare le persone che gli si parano davanti, quasi come se fossero delle ragnatele.

La pioggia si è fatta più forte. Noah sente i piedi che sguazzano nelle leggere scarpe di tela mentre rivoli ghiacciati gli scendono dalla nuca lungo la schiena, come allegri torrenti di montagna.

E' talmente concentrato che si dimentica quasi di sbattere le palpebre.

L'ombrello giallo lo chiama e a Noah questo richiamo sembra invitante come quello delle sirene.

Impossibile resistere.

Il ragazzo affretta il passo ma non riesce a colmare la distanza che lo separa da quell'ombrello.

Per un attimo, uno soltanto, l'ombrello si sposta e Noah riesce a intravedere una chioma rossa.

Il suo cuore manca un battito, le mani tremano leggermente.

Spicca un balzo in avanti, ma il suo piede incontra un ostacolo e Noah cade rovinosamente a terra.

Steso a pancia in giù in una pozzanghera, Noah ha come la percezione che il mondo si sia fermato.

Sente le voci allarmate e spaventate dei passanti, osserva le punte delle loro scarpe muoversi concitatamente attorno a lui.

Mani forti lo sollevano e occhi preoccupati lo scrutano. Ma lui non ha tempo per tutto questo.

Deve trovare l'ombrello giallo. Ignorando le fitte di dolore, Noah gira la testa qua e là.

La macchia gialla non c'è più. I passanti riprendono il loro cammino. Noah resta in piedi, solo tra la folla, sotto il cielo plumbeo.

La pioggia ha cessato di scendere. Sentendosi addosso tutto il peso del mondo, il ragazzo si gira.

E lei è lì, l'ombrello giallo chiuso con l'elegante laccetto.

"Temevo di averti perso per sempre" prorompe il ragazzo.

La sua voce stridente in cui si mischiano le tonalità del bambino e dell'adulto rimane per un attimo sospesa nell'aria.

"Noah, non essere melodrammatico. Ci saremmo visti domani, finito il turno di lavoro. Ti ho aspettato, ma visto che non arrivavi..."

Con un gesto automatico la donna si tira indietro un ciuffo di capelli rossi sfuggiti alla molletta.

A Noah quel gesto così intimo e familiare fa passare subito il malumore.

"Ero in ritardo perché mi hanno rubato il portafoglio"

Lo sguardo della donna si fa più attento. Quando lo guarda così, Noah percepisce chiaramente la tensione che scorre dentro di lei.

Subito allora aggiunge: "Ma stamattina ho smesso di fare il codardo: sono andato dal professore e ho detto chiaro e tondo come stavano le cose. Siamo andati assieme dal preside che convocherà i genitori.

Sono stufo di essere preso in giro e maltrattato dagli altri solo perché sono il più piccolo"

Alza il mento con fierezza, quasi volesse apparire più alto del suo metro e cinquanta.

"Però, siccome non avevo i soldi, è da stamattina che non mangio..."

Il suo stomaco emette un cupo borbottio, quasi a sottolineare il concetto.

"Sei stato coraggioso, Noah, hai fatto la cosa giusta. Vedrai che da oggi le cose andranno meglio. Ora vieni, entrerò un po' più tardi al lavoro. Andiamo a mangiare qualcosa"

Noah sorride e passa un braccio attorno alla vita della donna.

"Sei la migliore, mamma!" esclama, contento.

Ha ricominciato a piovere e Noah apre l'ombrello giallo canarino.

E, guardando il mondo da sotto quella cupola dorata, ha la certezza che da quel momento ogni cosa andrà per il verso giusto."

(Questo racconto partecipa al tema della settimana #percezione, proposto dagli Aedi digitali)

 

Facebook Comments

6 pensieri su “L’OMBRELLO GIALLO- #percezione # aedidigitali

    1. Priscilla

      Grazie Beatrice, spero che i miei bambini abbiano capito cosa volevo comunicare loro.
      Grazie per aver dedicato un po' del tuo tempo al mio blog e buona continuazione!

      Rispondi
    1. Priscilla

      Eleonora, grazie! Tento di mettere in quello che scrivo ciò che sento. Sono contenta di esserci riuscita.
      Grazie per aver dedicato del tempo a leggere il post e buona continuazione.

      Rispondi
    1. Priscilla

      Grazie mille, questa problematica mi sta particolarmente a cuore, avendo vissuto il bullismo sulla mia pelle quando ero piccola.
      Spero che serva allo scopo.
      Ti ringrazio per il tempo che hai dedicato alla lettura e per essere passata di qui!
      Buona continuazione

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *