L’ORGANIZZAZIONE DEI PASTI A CASA MIA

Credo di essere una persona abbastanza organizzata. Sono sempre stata così e con due bambini piccoli e un lavoro questo è diventato indispensabile.

Sono la classica persona che prepara i vestiti da indossare il giorno dopo la sera prima di andare a dormire. Ora lo faccio in compagnia dei miei figli.

Sono quella mamma che ha una borsa di 10 chili zeppa all'inverosimile, dai fazzolettini ai cerotti passando per il collirio omeopatico e l'antidiarroico perché "non si sa mai".

Sono quella casalinga per cui andare a fare la spesa senza una lista  non è una cosa da prendere in considerazione.

Sono quella donna lavoratrice per cui vivere senza un'agenda -non mi sono ancora convertita ad utilizzare lo smartphone- sarebbe semplicemente impensabile.

Quella che segna scrupolosamente compleanni, onomastici, visite e incontri sul calendario, magari suddivisi per colore in base a categorie personali.

Insomma, una precisina maniaca del controllo.

Eppure su una cosa proprio non mi ci trovo: i menù settimanali o addirittura mensili.

Tantissime mamme pubblicano i loro menù rigorosamente stagionali. Io le invidio. Ci ho provato, eh, ma con risultati pessimi.

Per la mia famiglia seguire una lista prestabilita di cibi è difficile.

Io ho in mano quello che mangia la Ninfa all'asilo: c'è uno schema suddiviso in sei settimane e giorno per giorno, in modo da variare il più possibile.

Anche CF dove lavora ha la mensa  e consuma là il pranzo o la cena, ma a differenza della scuola materna qui non abbiamo una lista di quello che viene preparato.

Ringhio invece pranza dai nonni e va da sè che i pasti vengono preparati seguendo l'estro delle cuoche.

Inoltre bisogna tenere presente che tutti e tre mangiano un primo, un secondo e un contorno.

Abbiamo provato diverse volte a redigere un menù settimanale, ma poi si creavano situazioni ingestibili: la Ninfa a pranzo mangia pasta al ragù, mozzarella e insalata, la nonna ha detto che preparerà gli gnocchi e la fettina impanata, CF non so e allora io preparo il riso. Ovviamente poi accade che la nonna ha fatto il riso con le zucchine, CF ha mangiato la paella e quindi, in virtù della dieta varia, non si può riproporre riso anche la sera. E quindi il menù diventa carta straccia.

Per cui abbiamo concordato di decidere di volta in volta cosa cucinare. Apriamo il frigorifero e vediamo cosa c'è in base alla spesa fatta.

Troviamo qualcosa che possa incontrare i gusti di tutti (solitamente quella che si fa andare bene praticamente ogni pietanza sono io) e poi cuciniamo tutti assieme. E' divertente vedere ogni membro della famiglia intento nei suoi piccoli compiti, in un clima di cameratismo e convivialità.

Sicuramente rispetto alla soluzione di un menù prestabilito preparare un pasto in questo modo a volte diventa una vera sfida, specialmente giovedì o venerdì quando il frigo e la dispensa cominciano ad essere vuoti (di solito ci dedichiamo alla spesa il sabato), ma ha un suo lato divertente.

Infatti diventiamo più creativi e proviamo accostamenti diversi dal solito, utilizzando anche tante erbe aromatiche e spezie per dare quel qualcosa in più.

Per esempio ho scoperto che i miei figli adorano questo piatto fatto per gioco: pipette con crema di formaggio ai due colori.

  • pipette circa 320 grammi per quattro persone;
  • formaggio spalmabile circa 150-200 grammi;
  • due cucchiaini di curcuma;
  • due cucchiaini di paprika dolce;
  • sale q.b.

Portare a ebollizione  l'acqua e quando bolle aggiungerci il sale. Far lessare i ditaloni e nel frattempo dividere il formaggio spalmabile in due ciotole: in una aggiungerci la curcuma e nell'altra la paprika dolce. Lavorare il formaggio finchè le spezie saranno ben amalgamate: diventa più facile se si aggiunge un cucchiaio raso di acqua di cottura della pasta.

Scolare la pasta e suddividerla nelle due ciotole; condirne metà con la crema alla curcuma e metà con quella alla paprika. Portare in tavola e servire, mettendo le due paste nello stesso piatto, vicine vicine.

Buon appetito!

 

Facebook Comments

2 pensieri su “L’ORGANIZZAZIONE DEI PASTI A CASA MIA

  1. HermioneGinny

    Da provare! La mia ricetta svuotafrigo è il cous cous, in frigo cipolla, carota, sedano e zucchina non mancano mai, poi vado di fantasia: oggi c'erano pollo allo spiedo del supermercato, crema di funghi con panna avanzata e un pomodoro... buono!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *