PRENDITI CURA DI TE, MAMMA!

Quando si diventa mamme il tempo che dedichiamo a prenderci cura di noi stesse viene rosicchiato da mille altri impegni.

Spesso ci troviamo in situazioni tali per cui ficcarsi sotto il getto dell'acqua per dieci secondi netti viene definito "doccia".

A volte già solo trascorrere qualche minuto sole in bagno, con una porta chiusa che ci divide dal mondo esterno (e dai nostri figli, soprattutto), diventa il paradiso.

Sfogliando una delle tante riviste che di solito reperite nei bar o dalla parrucchiera, mi sono imbattutta nell'ennesimo articolo sulla cura della pelle. "Skin care perfetta in dieci minuti".

Dunque la domanda mi è sorta spontanea: ma quanto tempo dedica normalmente alla cura di sè una mamma?

Secondo i suggerimenti di questi tabloid, ecco come dovrebbe essere una buona  routine giornaliera.

Al mattino, la donna che si prende cura di sè mette fuori le sue lunghe gambe flessuose dal letto, si stira voluttuosamente e pratica il saluto al sole. Poi si dirige nella stanza da bagno.

La mamma si fionda fuori dal letto all'ennesimo trillo della sveglia, che ha posizionato strategicamente in corridoio per essere certa di alzarsi per spegnerla.

Dopodiché si dirige sbadigliando verso il bagno e nel tragitto si flette per raccogliere, nell'ordine: una macchinina, la spazzola della bambola e un pezzo delle lego su cui ha inavvertitamente appoggiato un piede.

In bagno, la donna che si prende cura di sé si fa un peeling o uno scrub con i sali del Mar Morto, mentre sulla sua chioma riposa una maschera all'olio di rosa mosqueta.

La mamma si infila velocemente sotto il getto dell'acqua fredda, lavandosi corpo e capelli con il primo doccia shampoo che le capita in mano, che se le va bene è quello dei bambini.

La donna delle riviste patinate  si tampona delicatamente il corpo e si massaggia sul corpo una crema super idratante al burro di karitè, mentre su seno e glutei applica una generosa dose di crema elasticizzante.

La mamma salta la crema corpo, che si stanno svegliando i bambini.

La donna degli articoli di bellezza a questo punto si dedica alla cura del viso: rifinisce con cura le sopracciglia, idrata la pelle con una crema adatta alla sua età, applica quella per il contorno occhi e si trucca con cura da red carpet.

La mamma si cosparge il viso con un abbondante strato di crema super idratante antirughe dodici effetti in uno e in due minuti applica: fondotinta super coprente, sperando di mimetizzare anche i baffetti che stanno spuntando, correttore per mimetizzare le occhiaie, ombretto, eye-liner e mascara.

La donna super fica intanto si dedica alla chioma rigorosamente leonina: la pettina con una spazzola in legno, si mette una noce di crema lisciante e si fa una piega da salone di bellezza.

La mamma afferra la spazzola e in quattro colpi è pronta. I capelli si asciugheranno intanto che prepara la colazione.

La sera, il rituale continua.

La donna che si prende cura di sé entra nel suo bagno, fiocamente illuminate da candele di varie misure che neanche una sala del commiato durante la veglia funebre della bisnonna. Si strucca con un'acqua micellare e si tampona con un tonico rigenerante. Poi si immerge nella vasca che è già stata preparata per lei (da chi non ci è dato sapere) per un bagno rilassante con olio essenziale di Ylang Ylang.

La mamma a fine giornata tenta di barricarsi in bagno, alza la radio a tutto volume per mascherare le urla belluine dei suoi figli che urlano al cielo il proprio dolore per essere stati chiusi fuori.

Entra direttamente nella vasca da bagno in precedenza preparata da lei stessa medesima in persona, con l'acqua già quasi fredda e il bagno schiuma dei bambini. Si strucca direttamente lì.

La donna sofisticata che ci mostrano le immagini delle riviste femminili, emerge dalla vasca con una grazia tale che al suo confronto sarebbe impallidita pure la Venere di Botticelli. Sul suo corpo, praticamente perfetto, senza cellulite, rotolini e soprattutto senza peli applica la nuova crema corpo di Narciso Rodriguez. Si spalma sul viso un siero notte specifico e si ravviva la folta chioma con le dita. Poi indossa un reggiseno in pizzo e le coulotte coordinate (probabilmente di là la sta aspettando quello che le ha preparato la vasca da bagno).

La mamma reale si asciuga con l'accappatoio di spugna del marito e applica la stessa crema super idratante tutto in uno del mattino sul viso. Decide che non può più posticipare di un altro mese l'appuntamento per la ceretta mentre indossa le mutande contenitive sotto il pigiama di pile. Prende in seria considerazione l'idea di dormire direttamente sul tappeto del bagno, perché non sa con certezza se riuscirà ad arrivare a letto, dove probabilmente suo marito si sarà già addormentato.

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *