4

Domenica mattina mi sono incontrata con una mia cara amica che non riesco mai a vedere tanto quanto vorrei.

La mia amica ha organizzato una colazione con le ragazze del suo addio al nubilato per comunicarci la lieta novella: a Maggio diventerà mamma.

Capite bene che la situazione ha innestato un tripudio di felicità esternata con gridolini di gioia, baci e abbracci.

La conversazione naturalmente si è incentrata sul futuro bebè.

"Chissà a chi somiglierà?"

Già, chissà?

Le somiglianze tra figli e genitori sono regolate dalle complesse e oscure regole della genetica, per cui come tutti sappiamo è impossibile prevedere cosa succederà quando i geni si mischieranno.

Nessuno dei miei figli mi somiglia, è un dato di fatto.

Fisicamente la Ninfa è uguale al suo papà alla sua età, anche se molti affermano che a livello espressivo invece somigli a me - menzogneri, sicuramente lo dicono per pietà-.

Questa somiglianza era già evidente quando la Ninfa è uscita con quel suo bel cordone ombelicale ancora attaccato, tanto che in questo caso si poteva benissimo dire "Mater semper certa, etiam pater".

La cosa assurda è che le persone di una certa età che conoscono mia suocera fin da piccola affermano senza incertezza alcuna  che la mia bambina è identica a lei. 

Incredula, ho dovuto chinare il capo di fronte alle prove empiriche: foto in bianco e nero in varie pose ed età che decretano e comprovano che la genetica non è un'opinione.

Ma tant'è, me ne sono fatta una ragione: in fondo mia suocera è sempre stata una bella donna, per cui non tutto il male vien per nuocere.

Mi sono detta, sospirando: "Andrà meglio la prossima volta"

Poi è nato il piccolo -si fa per dire- Ringhio.

Che non somiglia al padre, nemmeno al suocero, ma neppure a me, a parte per un piccolo dettaglio: gli occhi.

Per il resto, sono tanti ad affermare che sicuramente ha preso dal ramo della mia famiglia.

All'inizio il fatto che nessuno dei miei figli mi somigliasse neanche un pochino mi ha infastidito.

Ma come, mi dicevo, tanti sforzi e nessuno dei due sembra mio figlio. A che sono valse tutte quelle ore di travaglio, tutte quelle spinte, tutta quella fatica?  Destino infame!

Ma, con lo scorrere del tempo, mi sono detta:

"E' davvero un male che i miei figli non mi somiglino?"

Per come la vedo io, nel mio caso forse è solo un bene.

Se la Ninfa fosse il mio ritratto, penso che inconsciamente farei di tutto per farla diventare la me che non sono mai diventata.

Il che significa che la spingerei a fare esperienze e a percorrere quelle strade che io non ho mai avuto il coraggio di fare.

Le impedirei di vivere la sua vita e di esprimere al meglio i suoi talenti, la sovraccaricherei di aspettative, insomma sarei davvero una pessima madre.

Perché parlo a femminile?

Perché secondo me questo problema dell'immedesimazione e del rispecchiarsi avviene prevalentemente con il figlio dello stesso sesso.

Nonostante questo, è inevitabile che mi riveda nei miei figli.

Certi loro atteggiamenti nell'affrontare il mondo e nel rapportarsi con gli altri mi fanno tornare in mente alcuni ricordi della me bambina nella loro situazione.

Questione di carattere. Ma il carattere non si eredita.

E buona pace a chi dice: "Sono testardi come la madre".

In cosa vi somigliano i vostri figli?

 

2

Sabato sera siamo stati a cena da una coppia di amici che aspettano il secondo figlio.

Quando si è in compagnia, i discorsi vanno e vengono, come le onde del mare, si accavallano e scivolano via.

Così mi è venuta l'idea di scrivere qui una lettera per lei -so che ogni tanto dedica del tempo al mio blog- nell'eventualità che possa essere di una qualche utilità anche ad altre mamme alla prese con l'idea di fare un secondo figlio o alle prese con una seconda gravidanza.

Se avete qualche altro consiglio da aggiungere, non esitate a scriverlo: io e lei ve ne saremo molto grate!

"Cara amica mia che aspetti il secondo figlio, o meglio, la seconda figlia, ti faccio i miei migliori auguri.

Oltre a questo, ti faccio anche i miei complimenti: decidere di avere un secondo figlio quando la tua bimba sta per cominciare la nuova avventura della scuola primaria non è cosa da poco.

Non è cosa da poco perché oramai eri già "fuori dal tunnel": pannolini, pappette, risvegli notturni per te ora sono solo un lontano ricordo.

Ma non preoccuparti, amica mia, è un po' come andare in bicicletta: le cose che hai imparato ti verranno naturali non appena la piccola A. sarà tra le tue braccia.

Mi fai sorridere quando dici che il tuo grado di preoccupazione rispetto allo stato di salute della bimba nella pancia è più alto rispetto a quando eri incinta la prima volta.

Anche a me è capitato, non so dirti quale strano motivo ci sia sotto.

Forse la prima volta eri troppo giovane e hai affrontato la gravidanza con uno spirito differente.

Del resto, si sa, quando si ha già un figlio si è più consapevoli che gli imprevisti possono capitare a tutti, anche a noi, non solo alla cugina del fratello di tua cognata.

Segui le indicazioni del tuo ginecologo e il tuo istinto di mamma e donna: la piccola A. sta crescendo bene e non c'è ragione per preoccuparsi.

In caso dovessi notare che qualcosa non va, corri subito al pronto soccorso: meglio una corsa in più che una in meno.

E' poi naturale che tu mi dica di sentirti più stanca: innanzi tutto consideriamo l'età, gli anni passano per tutti. In più hai anche la primogenita da seguire, mentre prima eravate solo tu e il tuo pancione.

Sono contenta di non averti sentito dire "ma la amerò tanto quanto amo la prima?", perché vuol dire che hai già capito che, quando si hanno più figli, l'amore non si divide ma si moltiplica.

E la gelosia, mi chiedi? Cara amica, cosa devo risponderti? Mentirei se ti dicessi che G. non sarà mai gelosa di A. o vice versa. 

Sicuramente, avendo sei anni di differenza, la gelosia di un primo figlio verso il nuovo arrivato non si manifesterà come si manifesta tra i miei figli che hanno un gap d'età di pochi anni.

Quello che posso consigliarti, da sorella maggiore, è questo: coinvolgi G. nell'accudimento della nuova venuta, falla sentire indispensabile, quasi tu fossi la stordita della situazione.

"G. per cortesia mi aiuteresti a cambiarle il pannolino? Sai, sono passati tanti anni e non sono sicura di ricordarmi ancora come si fa".

Dedicale sempre del tempo, ritagliati dei momenti speciali solo per voi due, fossero anche solo dieci minuti al giorno, per far sentire che tu sei lì con lei anche se c'è A.

Avere un secondo figlio non è sicuramente una passeggiata, ma neanche un'impresa insormontabile: voglio dire, non stiamo parlando del quinto o del sesto.

Ma tu non farti mai problemi a chiedere un aiuto: perfino la suocera può rivelarsi utile per fare la spesa o stirare o per prepararti una buona scorta di lauti pasti da congelare.

Non spendo nemmeno una parola sull'aiuto di tuo marito: voi siete una coppia "moderna", un ingranaggio ben oliato dove ognuno fa in base a quello che c'è da fare e non in base a ruoli prestabiliti.

 

L'ultimo consiglio che voglio lasciarti, amica mia, è questo: goditi questa gravidanza, assaporala e sii cosciente di ogni attimo che A. cresce e vive dentro di te.

Anche se non è la prima gravidanza, è come se lo fosse: aspettare un secondo figlio vuol dire comunque aspettare un altro figlio per la prima volta.

Quello che hai passato quando eri incinta di G. sarà diverso da quello che stai passando ora che aspetti A.

Non parlo solo del punto di vista fisiologico, ma anche da quello emotivo: tu sei cambiata e quindi la prospettiva con cui affronti le cose non può per forza essere la stessa.

Ogni figlio è differente dall'altro fin da quando viene concepito.

Niente paragoni inutili, niente paranoie inutili: A. è una persona diversa e, anche se le sue esigenze saranno le stesse di tutti i neonati del mondo, il rapporto che creerete con lei sarà del tutto unico e speciale.

Non voglio dilungarmi troppo, sappi solo che per qualsiasi esigenza non sei sola.

Hai tanti amici a cui appoggiarti e non dimenticare le possibilità che ci sono per avere una mano anche da personale specializzato, come per esempio il consultorio di zona.

Ora non ci resta altro da fare che aspettare Novembre per poter vedere dal vivo la piccolina.

Un abbraccio e a presto!"

 

4

Ieri sera è venuta a trovarci una coppia di amici che non vedevamo da qualche mese. Aspettano un bambino. Sono frizzanti e agitati come tutte le coppie in attesa.

Ma sono anche molto pratici, o meglio lei è molto pratica. Sotto tutta quell'aurea rosa piena di cuoricini e sdolcinatezze varie tipica delle donne incinte, spicca una donna dal carattere forte.

Inevitabilmente abbiamo parlato di figli (no, tranquille, non ho fatto terrorismo psicologico).

Mi ha fatto una domanda spiazzante: "Ma voi l'avete fatto il pre-riconoscimento?"

Scena muta. Io e CF siamo scesi dalle nuvole. Il pre-ri-cosa?

In poche parole ci ha spiegato cos'è.

Quando si convive (ma anche se non si convive), al momento della nascita dei figli, entrambi i genitori devono andare all'anagrafe per riconoscere il frugoletto. Se ci va solo la mamma, al bambino viene dato il suo cognome di default. Il padre da solo non viene neppure preso in considerazione. Invece nelle coppie sposate questa procedura può essere fatta solo da un genitore.

Ma cosa succede se uno dei due non ha la possibilità di andare? Per esempio, se la mamma in seguito al parto (porella!) ha avuto delle complicazioni e non può andare all'anagrafe o se il padre è tragicamente venuto a mancare prima del termine (sì, sono ammessi scongiuri di ogni tipo), come fa a riconoscere il proprio figlio?

Ecco allora che i legislatori hanno avuto un colpo di genio: il riconoscimento posteriore al concepimento. Trattasi di una procedura semplicissima che ogni coppia non sposata che vuole riconoscere il proprio bambino dovrebbe fare.

Quando il figlio se ne sta ancora bello placido nella pancia della mamma, i futuri genitori muniti di documenti d'identità validi e di certificato che attesti la gravidanza vanno all'anagrafe e firmano una dichiarazione che afferma che, dall'unione naturale dei conviventi, è stato concepito un figlio che entrambi si impegnano fin da subito a riconoscere.

Una copia della dichiarazione viene rilasciata ai futuri genitori e, dopo il parto, basterà che uno solo di loro si rechi all'anagrafe. Et voilà!

Semplice, immediato ed efficace!

Noi non lo sapevamo. Non ce l'hanno spiegato neppure al corso pre-parto, quando ci è stato detto quello che dovevano fare le coppie non sposate.

Certo, per fortuna non ne abbiamo avuto bisogno. E se invece così non fosse stato? Mi vengono i brividi solo a pensarci.

E' soddisfacente sapere che pian piano la legislatura si sta adoperando per parificare e tutelare i figli non concepiti all'interno del matrimonio. Ma allo stesso tempo trovo strano che l'informazione non venga divulgata. Personalmente io non conoscevo questa pratica, ma chiedendo qua e là ho assodato che nessuna delle coppie non sposate con cui sono in contatto ne era a conoscenza. Fa parte della Legge numero 219 del 10 Dicembre 2012. Io ho avuto la Ninfa nel 2013  e Ringhio nel 2014, per cui qualcuno avrebbe potuto informarmi.

Francamente sono costernata. Insomma, non è un'informazione da poco!

Ho fatto una telefonata al comune dove viviamo, tanto per vedere che aria tira. La signora dell'anagrafe mi ha detto che è una pratica che nell'ultimo anno hanno fatto spesso, ma effettivamente non ci sono volantini o brochure che la incoraggiano. Davvero, ha detto proprio così, "incoraggiano"!

Neppure al consultorio ho trovato materiale informativo, ma mi hanno rassicurato dicendo che durante il corso pre-parto sono informazioni che si danno. Delle due, allora, l'una: o la nostra ostetrica si è dimenticata di dirlo o non lo sapeva nemmeno lei. Su dieci coppie (di cui tre non sposate) nemmeno una si ricorda di questo.

Che dire, per fortuna non ci è capitato nulla di grave! E' chiaro che se tornassi indietro lo farei subito immediatamente al volo.

Che di mamma (e anche di papà) in questo caso ce n'è una sola.

Questa è la storia di una donna che desiderava avere un bambino e di come alla fine sia riuscita a diventare mamma.

E' la storia di E., una mia cara amica, che ha voluto regalarmela e condividerla con voi.

" In cerca di un bambino che non arriva

Ci siamo sposati nel giugno del 2006, avevo quasi 30 anni. Abbiamo sistemato un po’ di cose e a quasi 32 anni abbiamo pensato di avere un bambino, il tutto molto tranquillamente, senza calcoli.
I mesi trascorrono veloci e il nostro bambino non arriva.
Apparentemente non c’è nulla che non va, tutti mi dicono che è solo una questione di “testa” ma io ci sto male e sto sprofondando in una crisi che sembra non avere via d’uscita.
Anche la mia ginecologa mi ripete che devo stare tranquilla, ma non ho nessuna intenzione di stare con le mani in mano.Voglio fare degli esami più approfonditi ma lei non è d'accordo.
Allora decido di sentire un altro parere.
All’alba dei miei 33 anni, trovo un ginecologo meraviglioso sia dal punto di vista professionale che umano. Parliamo a lungo e dopo avermi visitata mi dice che forse c’è la possibilità che io abbia lendometriosi.
Mi mette in lista di attesa e a fine agosto 2009 faccio una laparoscopia. Fortunatamente l’endometriosi era solo un sospetto, utero, ovaie e tube funzionavano a meraviglia. 
Ma il tempo continua a passare senza che la cicogna arrivi. Volevo il mio bambino e lo desideravo ogni giorno di più.
Sconfortati, decidiamo di rivolgerci in ospedale per vagliare la strada della fecondazione assistita.
A dicembre 2009 facciamo il nostro primo colloquio. Ci spiegano che le tempistiche per iniziare sono lunghe, almeno sei mesi.
Arriva il secondo Natale senza il nostro cucciolo, ma siamo pronti a ripartire con la speranza che il 2010 sia il nostro anno, l’anno in cui saremmo diventati genitori.
A febbraio 2010 ho un ritardo, e senza nessuna speranza decido di fare un test.
Il 20 febbraio 2010 lo faccio di nascosto, aspetto alcuni minuti e poi... sto per svenire: 2 linee nettissime. Non ci credo: è positivo, forse si tratta di un’allucinazione. Eppure le 2 linee ci sono, non so se ridere o piangere, sono completamente confusa.Cerco di stare calma, nel pomeriggio compro un test digitale e lo faccio subito; la clessidra si muove (quella piccola clessidra avrebbe potuto cambiare completamente la mia vita) ed ecco che appare: incinta 3+.
Il primo marzo 2010 faccio la mia prima ecografia che conferma che sono INCINTA, ed è proprio oggi che per la prima volta pronuncio quella meravigliosa parola: incinta! Eccolo lì sullo schermo, un fagiolino lungo 1 cm e 64 mm. Ci commuoviamo tantissimo e quando sentiamo il battito non riesco a trattenere le lacrime. E’ il momento più intenso e meraviglioso della nostra vita. Un puntino su uno schermo può davvero cambiare tutto!

Sono passati i mesi, ho 34 anni e un bel pancione. Sono di 34 settimane, è un maschietto e lo chiameremo A. Sono la ragazza più felice del mondo.
Forse è un miracolo, forse non lo è, forse aveva solo bisogno di tempo, ma alla fine lui arrivato così, naturalmente, e tra poco lo potremo finalmente abbracciare.
Sono orgogliosa di non essermi mai data per vinta, ho provato tutte le strade e non ho lasciato niente di intentato.
Questa storia è per dire a tutte le donne che stanno cercando un bambino di non perdere mai la speranza, di crederci fino in fondo e anche quando tutto sembra crollare, di non demordere. Fate tutti i controlli e se tutto va bene state certe che prima o poi il vostro meraviglioso miracolo di vita arriverà. Se ci sono problemi, non arrendetevi mai, la medicina ha fatto passi da gigante, una soluzione si trova.

LA NASCITA DEL NOSTRO “FAGIOLINO”

28.09.2010
Oggi (quindici giorni prima del previsto) alle 2.43 è nato A. Pesa 2800 gr. ed è lungo 49 cm.
E’ stata dura ma la gioia che ho provato nel vederlo ha già cancellato tutto il dolore di queste ore.
A. ha un po’ sofferto durante il parto quindi me lo portano via quasi subito e lo mettono nella culletta termica.
Come é piccolo, l’amore che provo per lui è già immenso e incondizionato. Dorme quasi tutto il giorno e io continuo a guardarlo, non ci credo ancora che quel piccolo scricciolo l’abbiamo fatto noi. Il suo papà è già innamorato ed è bravissimo, è sempre li con noi.
Il giorno dopo A. ha l’ittero e viene messo sotto la lampada per la fototerapia. Lo so che non è nulla di grave ma non poterlo abbracciare e baciare per così tanto tempo mi rattrista molto. Mi siedo fuori dal nido e lo guardo, poi entro e metto la mia mano nella lampada per fargli sentire che io ci sono e ci sarò sempre per lui. Dopo dodici ore lo tolgono dalla lampada e io posso provare ad allattarlo. Lui è bravissimo, si attacca subito. È una sensazione strana ma allo stesso tempo fantastica. Io e il mio bambino, una cosa sola, mi sento la persona più felice e appagata del mondo. Il giorno dopo saremmo potuti finalmente tornare a casa.

LA STORIA CONTINUA…

30/09/2010
La mattina presto chiamo mio marito al telefono e gli dico di venirci a prendere. Siamo agitati ma felicissimi. Tutto è pronto per il nostro arrivo a casa. Poco dopo c’è il solito giro dei pediatri, il mio cucciolo dorme tranquillo nel suo lettino accanto a me. I dottori entrano ed io sono pronta a sentirmi dire: "Oggi andate a casa". Ma dalle loro facce capisco subito che qualcosa non va.
Il mio cuore comincia a battere forte e un senso di paura mi attanaglia lo stomaco. Dagli esami del sangue risulta che A. ha due valori molto più alti della norma e questo potrebbe indicare un problema ai reni. Ci spiegano che faranno un’ecografia addominale e nel frattempo gli faranno delle flebo per reidratarlo. Io e mio marito ci guardiamo e lo sconforto si legge chiaramente sui nostri volti. La pediatra prende il mio bambino e lo porta al nido. Li raggiungiamo anche noi, vogliamo stargli il più vicino possibile. Cercano di trovargli la vena per la flebo. E' un disastro: non riescono e per noi è un martirio. Nel braccino niente da fare, allora provano nella testa, lo rasano prima da una parte e provano, ma nulla, poi dall’altra e dopo vari e strazianti tentativi trovano la vena. Ecco, è proprio ora che crollo, il mio cucciolino è così piccolo e indifeso e non sta bene, tutti quei tentativi per bucarlo. Non ce la faccio: esco e piango sola in un angolo. Oggi saremmo dovuti tornare a casa, invece siamo qui senza sapere bene cosa ci sta accadendo, è terribile. Perché ci sta succedendo tutto questo?
Pochi minuti dopo il nostro piccolo viene portato a fare un’ecografia addominale. Quei minuti ci sembrano un’eternità: insufficienza renale. Oddio è il panico, e adesso? Pensiamo subito al peggio. Cerchiamo di farci forza a vicenda ma è davvero difficile.
A. è al nido, in un angolino con la sua flebo attaccata al braccino steccato perché nel frattempo l’ago gli è uscito anche dalla testa. Lui dorme e sembra non accorgersi di nulla.
Speriamo che reidratandolo migliori e che i suoi piccoli reni possano cominciare a funzionare. Lo vegliamo per quasi tutto il giorno. Quando devo cambiarlo con la piantana della flebo è ancora più difficile. Cerco di stare attentissima per non rischiare di fargli uscire l’ago così da risparmiargli il supplizio di essere nuovamente bucato. Poi lo allatto e P., il suo papà, lo gratta dolcemente dietro l’orecchio per stimolarlo a mangiare. A. è bravissimo e mangia bene. Questo è importante per la sua ripresa.
Passano i giorni e noi siamo ancora in ospedale. Le infermiere sono davvero carine con noi e amano già il piccolo A. che nel frattempo è diventato il “nonnino” del gruppo. Il suo papà è sempre vicino a noi, è la mia forza e il mio supporto.
Infine una sera arriva la bella notizia: dai nuovi prelievi risulta che i valori stanno nettamente migliorando e che l’idratazione funziona.

E FINALMENTE...

04/10/10
Ricorderò sempre questa data, il giorno in cui, dopo lennesima ecografia addominale, ci hanno detto che tutto si è risolto:  possiamo tornare a casa. Mi sembra di vedere ancora la pediatra lungo il corridoio dell’ospedale che sventola l’esito dell’esame con un enorme sorriso ed esclama soddisfatta. "Tutto bene". Io e mio marito ci togliamo un macigno dal cuore e siamo al settimo cielo.
Fuori piove a dirotto ma anche quell’acquazzone ci sembra meraviglioso, tutto quello che ci circonda è meraviglioso perché A. sta bene. Da oggi comincia la nostra nuova avventura. Abbiamo superato un'altra durissima prova ma tutto questo ci ha aiutati ad essere ancora più forti e più uniti."

A. ora sta bene. Ha sei anni, ha cominciato la scuola e fa sport. E, sapete una cosa? Non si ammala mai, non ha nemmeno l'influenza. Sono un pò invidiosa...