3

Di tutte le cose accadute durante la guerra, questa -allontanare i bambini per cercare di tenerli al sicuro- fu di sicuro la più terribile. Non so come siano riusciti a sopportarlo. Mette a dura prova l'istinto animale di protezione verso i propri piccoli.

Oggi per il venerdì del libro vi voglio parlare brevemente di un bellissimo romanzo epistolare, ricevuto in regalo dalla mia cara amica H., che non finirò mai di ringraziare per questi magnifici doni.

"La società letteraria di Guernsey" è l'unico romanzo scritto da Mary Ann Shaffer.

Siamo nel 1946 e il mondo sta lentamente provando a risollevarsi dalle polveri della Seconda Guerra Mondiale.

A Londra, la giovane scrittrice Juliet, che ha raggiunto il successo con un romanzo satirico durante la guerra, cerca ora l'ispirazione per scrivere un nuovo libro.

Casualmente l'imbeccata le arriva da una lettera proveniente da Guernsey, una delle isole della Manica, unico territorio inglese caduto nelle mani dei tedeschi.

Un abitante del luogo ha comperato un vecchio libro appartenuto alla scrittrice e, trovando il suo indirizzo scritto all'interno, decide di mandarle una lettera.

Tra i due nasce una profonda amicizia e Juliet, incuriosita dall'aneddoto sulla nascita della società letteraria "Torta di Patate", decide di approfondire l'argomento: chiede quindi agli abitanti di Guernsey di scriverle delle lettere per avere il loro punto di vista e per farsi un quadro completo della situazione.

Attraverso le varie voci narranti l'autrice ci parla in modo leggero -ma non per questo spesso meno drammatico- della vita sull'isola durante i cinque anni di occupazione tedesca.

Le storie della guerra si intrecciano a quelle del presente e del passato, fornendo un quadro generale davvero affascinante, tanto che la scrittrice decide di volare là per immergersi in quel luogo unico e particolare.

E lì, su quell'isola quasi dimenticata da tutti, Juliet scopre cos'è realmente l'amicizia e anche qualcosa in più.

Anche se non amo i romanzi epistolari, devo ammettere che questo mi è piaciuto molto.

Mi piace come la scrittrice si approccia al tema della guerra, perché cerca di essere imparziale, sottolineando attraverso vari racconti che anche tra i cattivi si trova sempre qualche persona buona e viceversa.

Quelle narrate sono storie di umanità, di compassione, di amore, di ordinaria follia, di disumana cattiveria.

Lo stile del racconto è limpido e chiaro, senza arzigogoli e inutili giri di parole. Allo stesso tempo però è curato e ricercato.

Si vede che la scrittrice ha lavorato molto per ricercare le informazioni storiche e per ricreare attorno a questo nucleo una storia che fosse il più verosimile possibile.

Assolutamente da leggere, anche per chi come me non ama i romanzi riguardanti le Guerre Mondiali.

E ora che vi ho incuriosito, non vi resta altro da fare che provare.

Dal canto mio, corro a mettere in valigia i libri che mi ripropongo di leggere durante la mia vacanza al mare.

Siete ancora in tempo a suggerirmi qualche titolo!

 

2

Siamo arrivati al fine settimana e il venerdì, come sapete, è il giorno dedicato all'appuntamento con i libri.

Da quando ho conosciuto il blog Homemademamma e la sua creatrice, Paola, mi sforzo per recensire -e di conseguenza leggere- almeno un libro a settimana.

Il protagonista di oggi è "Un gatto, una cappello e un nastro" di Joanne Harris, divenuta famosa grazie al suo romanzo "Chocolat".

La sua produzione abbraccia vari generi, perfino quello fantasy, con la serie Runemarks, che a me è piaciuta molto.

"Un gatto, un cappello e un nastro" è un'antologia di racconti.

Premetto che la scelta di leggerlo è stata dettata unicamente dal titolo che io ho trovato molto originale. Mettiamoci pure che conosco parte della produzione della Harris e questa potrebbe rappresentare una garanzia.

Eppure...

Sì, perché c'è un "eppure". Nonostante tutto, non mi è piaciuta molto. E' un problema che dipende da me, da come sono fatta io che non amo i racconti brevi.

Trovo infatti che lo sforzo di immedesimazione sia più difficile rispetto a quando si ha di fronte romanzi più strutturati.

Obiettivamente, ogni storia che l'autrice ci regala, è sicuramente ben scritta.

Joanne è una maestra della parole: in poche pagine crea il luogo, i personaggi e la trama, il tutto perfettamente ordito ed equilibrato.

Tutte le storie narrate sono un universo a sé, i protagonisti magari ritornano dopo un paio di racconti.

Leggere questo libro mi è sembrato come guardare un album di fotografie: scatti di persone in varie epoche e in vari Paesi.

Personalmente la storia che mi è piaciuta di più è stata la prima, con la giovane bimba che cavalca le cascate mettendo a repentaglio la propria vita per guadagnarsi un tozzo di pane e il rispetto dei maschi.

Ho trovato le altre molto malinconiche, disincantate e alcune proprio tristi.

Complessivamente vale comunque la pena leggerlo, sconsigliato se siete giù di morale o inclini alla malinconia.

Chi di voi conosce Joanne Harris e cosa avete letto?

Aspetto vostre risposte.

Buon caldo week-end!

 

 

"Volevo solo andare a letto presto" , oltre ad essere un desiderio comune a tante mamme, è il titolo dell'ultimo romanzo di Chiara Moscardelli, pubblicato qualche anno fa.

Non avevo mai letto nulla di questa autrice italiana che ho conosciuto tramite le recensioni pubblicate dalle amiche del venerdì del libro.

"Volevo solo andare a letto presto" è un libro leggero, piacevole e divertente.

La protagonista è la trentacinquenne Agata Trambusti che lavora per una casa d'aste a Roma.

Ipocondriaca, ossessionata dal controllo e cinica imposta la sua vita su binari sicuri: ogni singolo momento è rigorosamente pianificato.

Nella routine di Agata non c'è spazio per sentimentalismi inutili o dilemmi esistenziali.

Ma come capita sempre, la vita bussa alla sua porta pronta a sconvolgerle l'esistenza: un pomeriggio di pioggia come altri, la ragazza entrerà in una villa di Roma per discutere di quadri e si ritroverà, suo malgrado, catapultata in un'avventura ai limiti del surreale.

Tra pedinamenti, inseguimenti rocamboleschi, loschi figuri e un amore impossibile, Agata scoprirà lati di sé stessa che non immaginava neppure di avere.

"Volevo solo andare a letto presto" è un romanzo fresco, giovanile, in cui la storia d'amore un po' da telenovela va a braccetto con le componenti classiche del noir.

Il tutto condito con storie di crescita personale, di squarci di vita sui personaggi, ma anche di spunti di riflessione non troppo pretenziosi.

Lo stile narrativo è fluente e vivace, ad alto tasso di umorismo.

Però... C'è un però. Nonostante il libro nel suo complesso mi sia piaciuto, ho trovato le avventure di Agata decisamente sopra le righe.

Se inizialmente l'autrice cerca di creare una forte immedesimazione da parte dei lettori nella protagonista, questo viene vanificato dagli eventi descritti che risultano troppo esagerati.

Mi sento comunque di consigliarlo come lettura "da ombrellone": non è eccessivamente lungo, è spiritoso e leggero, prende quel tanto che basta per staccarti dalla realtà.

Conoscete quest'autrice? Io credo che leggerò anche gli altri suoi romanzi, magari stesa sotto il sole tra poche settimane...

Guardi che sbagliare fa bene. Si sbaglia sempre, per rabbia, per amore. Si sbaglia per imparare, per crescere e per maturare. Si sbaglia perché non si è perfetti, si è umani. Per cui sbagli, sbagli ancora!"

Il cambiamento arriva, che lo si voglia o no, e in modi diversi. Accettarlo è fondamentale per riuscire a vivere con gioia su questo magnifico pianeta. Cura non soltanto il meraviglioso giardino che abbiamo creato insieme, ama anche il tuo, altrove. E soprattutto cura te stessa e segui la tua stella.

Quello di oggi è un romanzo già recensito da altre amiche di lettura e quindi non ha bisogno di molte presentazioni.

Sto parlando de "La ragazza nell'ombra" di Lucinda Riley.

Terzo capitolo della saga programmata dalla scrittrice che dovrebbe comprendere sette volumi, ognuno dedicato alle sei sorelle adottate dall'enigmatico personaggio Pa'Salt e il settimo incentrato su quello che per ora rimane un mistero.

Protagonista è Star, ragazza timida, introversa e taciturna sempre messa in ombra dalla presenza frizzante ed energica della "gemella" Ce-ce.

Anche qui l'autrice segue sempre lo stesso modus-operandi dei romanzi precedenti: Star decide di seguire le indicazioni, lascito del padre adottivo morto, per risalire alle sue origini.

La ragazza, dopo un iniziale tentennamento dovuto all'incapacità di uscire dall'ombra della sorella e al timore di sbrigarsela da sola, si butta a capofitto nella ricerca che le cambierà la vita per sempre.

Piano piano, grazie ai nuovi legami di amicizia stretti con il proprietario della libreria nonchè suo datore di lavoro e alla sua famiglia strampalata Star viene a capo del bandolo della matassa, scopre chi è  e non solo a livello anagrafico.

Francamente ho cominciato la lettura de "La ragazza nell'ombra" con alcuni preconcetti.

Avevo trovato il primo volume carino, il secondo mi aveva un pò deluso per cui ammetto di aver acquistato questo più per amore di collezionismo che altro.

Invece mi sono dovuta ricredere: il format proposto dalla Riley non sembra la solita zuppa, anzi.

Trovo che dal punto di vista della narrazione, soprattutto quella che concerne la maturazione psicologica dei personaggi, ci sia stato un grande passo avanti: meno scontati certi sentimenti, meno "buona" la protagonista, che cela dietro un apparente egoismo e disinteresse tutta la sua fragilità.

Bellissima l'ambientazione, con la descrizione minuziosa ma non pedante delle vecchie ville della campagna inglese. Se chiudi gli occhi, immaginare queste imponenti dimore dal fascino decadente non è per niente difficile.

Da questo punto di vista l'ho trovata molto più realistica rispetto alle ambientazioni dei capitoli precedenti e questo traspare dalle scrittura stessa.

Ben riuscito il parallelismo tra passato e presente, con l'intrigante narrazione delle vicende a volte tragiche legate agli avi che risultano ben contestualizzate anche sotto il profilo storico.

Consiglio di leggerlo a chi conosce già la saga, ma soprattutto io lo proporrei come primo romanzo da leggere a chi vuole cominciare a prendere confidenza con le sette sorelle.

Per me è il più riuscito (per ora), indice di come una scrittrice sull'onda del successo possa migliorare e crescere anche seguendo lo stesso schema, senza scadere nel banale o proponendo la solita minestra riscaldata.

Voi avete letto qualcosa di Lucinda Riley? Cosa ne pensate?

(Questo post partecipa al venerdì del libro)

Il fine settimana è in arrivo e quindi ecco qui cosa vi consiglio questa volta se volete dedicarvi alla lettura.

"La rete di protezione", l'ultimo romanzo di Andrea Camilleri.

Ma quanti modi di protezioni esistivano! C'era 'na gana diffusa di protiggirisi da ogni cosa: da quello che s'accanosci, da quello che non s'accanosci, da quello che potrebbi essiri e che non è ditto che sarà, da quelli che venno dal mari, da quelli che hanno un Dio diverso, da quelli che hanno macari lo stesso Dio ma lo pregano differenti. E comunque sempre meglio quartiarisi."

L'ennesima indagine dell'amatissimo (almeno da me) commissario Montalbano a Vigata, in Sicilia.

Mentre fervono le riprese di una troupe svedese per un nuovo film che ha coinvolto l'intera popolazione di Vigata, il commissario si annoia: sembra che perfino i piccoli delinquenti si siano convertiti al mondo del cinema.

Proprio per questo accetta di aiutare tale Ernesto Sabatello che, riordinando le cose di famiglia, si imbatte nelle vecchie registrazioni fatte dal padre. Ogni 27 marzo, dal 1958 al 1963,  il genitore riprendeva per alcuni minuti un muro.

Montalbano, un pò per gioco un pò per noia, decide di indagare nei fatti del passato. Perché riprendere un muro crepato una volta l'anno?

Pian piano il mistero si infittisce, tra suicidi e omertà. Ma la verità alla fine riesce ad emergere.

Contemporaneamente, a Vigata la classe 3B della scuola secondaria viene presa d'assalto da due personaggi misteriosi che indossano una strana maschera. Per pura casualità quel giorno è presente in aula Mimì Augello, il secondo di Montalbano, che si accollerà assieme al commissario il compito di far luce sulla vicenda.

Si tratta di terrorismo? Cosa si cela dietro il misterioso messaggio lasciato dai due loschi figuri?

L'ultima indagine di Montalbano è avvincente, narrata con un ritmo veloce e a tratti si tinge di critica sociale.

Tante le tematiche trattate: il bullismo, sia reale che virtuale, i rapporti familiari (fratello-fratello, padre-figlio), l'amicizia e, quello che li ingloba tutti, la protezione.

Un noir che si legge tutto d'un fiato, soprattutto se amate la Sicilia e Montalbano.

Una chicca: questo è il primo romanzo dettato da Camilleri e non scritto di suo pugno. Non sono un'esperta, ma per me dettare è più difficile che scrivere, a livello mentale.

Voi cosa ne pensate? Conoscete Camilleri e lo apprezzate come me?

(Questo post partecipa al venerdidellibro, iniziativa proposta da Paola di Homemademamma, che io adoro quasi quanto Camilleri!)

Un Giusto non è mai del tutto buono, ognuno di noi ha commesso almeno un delitto

Finalmente la settimana è finita e il mio cuore è leggero (si fa per dire).

Una cosa posso garantirvela: se volete un libro da leggere tutto d'un fiato, con una trama surrealistica e al tempo stesso contemporanea, "Prendiluna" è quello che fa al caso vostro!

E' l'ultimo romanzo di Stefano Benni, autore famoso ma che io (non so bene per quale ragione) non ho mai preso tanto in considerazione.

Mi sono dovuta ricredere con questo libro!

E per lasciarvi una recensione un pò più accurata (occhio, potrebbero esserci anticipazioni), ho fatto il mio primo video!

Fatemii sapere cosa ne pensate e se vi va date un'occhiata al mio canale youtube.

Buon fine settimana!

(questo post partecipa al venerdì del libro. Se vuoi saperne di più, clicca qui).