arriva-estate-viaggi-progetti-idee-gite-picnic
vita con i bambini

Arriva l’estate

E alla fine arriva l’estate. Ci coglie impreparati, in un attimo si passa dalla giacca mezzo peso alla canotta e se si potesse girare in costume penso che molti lo farebbero e tanti saluti alla decenza pubblica .

La scuola è terminata, eccezion fatta per quella dell’infanzia e per quei poveri che devono cimentarsi con una maturità ridotta (niente esame scritto, solo orale ma almeno in presenza).

Quest’anno è stato forse ancora più massacrante del precedente: l’anno scorso tutti a casa e amen, la DAD e tutto il resto, ma almeno sapevamo che era così e basta.

Da settembre invece è stato un susseguirsi di aperture-chiusure che ha messo a dura prova i nervi di genitori, insegnanti e soprattutto bambini, che comunque si sono dimostrati ancora quelli più adattabili e meno lagnosi.

Ma è finita anche questa in modo soddisfacente, la Ninfa e Ringhio hanno imparato molto e non parlo solo di nozioni.

Frequentare di nuovo la scuola ha significato poter socializzare, seppur nel limite delle regole anti-Covid, imparare a seguire le norme, gestire ansia e stress, vedere il bicchiere mezzo pieno anche in situazioni non proprio allegre.

Sono soddisfatta del loro percorso scolastico e spero di poterli affiancare, lavoro permettendo, anche il prossimo anno così come è avvenuto in questi due.

Ora che finalmente è arrivata l’estate è giusto pensare anche alle cose belle, organizzare viaggi, gite e scampagnate ( a proposito, sapete che è uscito il libro ” Giro d’Italia in 70 picnic. Mangiare sull’erba raccontare storie” a cui ho partecipato anche io? Date un’occhiata a quest’articolo)

La Ninfa e Ringhio come tutti gli anni sono partiti per una vacanza con i nonni, stavolta al mare anziché in montagna, senza compiti delle vacanze che li aspettano qui quando torneranno.

Questa volta però ho sentito la loro mancanza in maniera davvero forte, forse perché a differenza degli altri anni abbiamo vissuto più a stretto contatto o magari perché mi sto lentamente trasformando in una di quelle smielate mamme-pancine.

Per non farmi sopraffare dalla nostalgia e struggermi in modo patetico, ho deciso di rinnovare casa. Ho dato il via ad una serie di lavori infiniti che hanno coinvolto tutte le stanze della mia piccola abitazione.

Dopo un approfondito decluttering, ho risistemato tutte le cose in altre posizioni, così ora CF impiegherà anni a imparare dove sono i calzini e le tazzine del caffè (ma sono così anche i vostri partner?!).

Nel frattempo ho cercato di trovare qua e là anche il tempo per gli eventi mondani, visto che siamo passati in zona gialla e poi bianca.

Niente cose in grande stile, intendiamoci, solo pochi amici fidati, perché un po’ d’ansia continuo ad averla comunque.

La prossima settimana arriveranno anche i nonni dalla Spagna e finalmente dopo un anno potremo riabbracciarci.

Che dire di più? La nostra estate è partita bene, può soltanto migliorare.

E voi avete già progetti, idee, programmi per renderla indimenticabile?

Vi aspetto nei commenti qui sotto!

 

 

 

Facebook Comments

8 Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *