datemiunam-milano-book-city-2018-licia-troisi
libri per mamme e papà

Bookcity Milano 2018-come gli incontri letterari possono cambiare la vita

Oggi torno con la rubrica “time is mine”.

Era da un po’ che non scrivevo nulla a riguardo. Non che in questo periodo non mi sia presa del tempo per me, ma non ho fatto nulla di eccezionale che valesse la pena di essere condiviso.

Aspetto con ansia novembre per poter andare a BookCity Milano che, per un’amante dei libri come me, è un’occasione da non perdere.

Questa volta è stato ancora più eccezionale dello scorso anno.

Infatti sono riuscita ad incontrare ben quattro scrittori che seguo.

La mattina ho avuto l’onore con altre amiche di fare colazione con Carla Maria Russo.

L’occasione ovviamente ci ha permesso di approfondire le tematiche dei suoi romanzi, gettando una luce nuova su “L’acquaiola”.

Trovarsi a sorseggiare un thé con una scrittrice del suo livello chiacchierando non solo di libri è un’esperienza indimenticabile.

Carla Maria Russo ha una personalità forte ma non prevaricante: sa mettere gli altri a proprio agio, sa ascoltare con attenzione e quando parla semplicemente incanta.

Il concetto che mi ha colpito di più riguarda il potere delle donne. Da sempre le donne sono depositarie della conservazione delle tradizioni.

Se le donne capissero che, oltre alla tradizione, possono insegnare anche il cambiamento e il rinnovamento, le società cambierebbero più velocemente.

Il ruolo delle madri in questo senso è fondamentale, specialmente in questi ultimi anni: dobbiamo insegnare che il sapere è la chiave di volta.

Più una persona sa (e non si parla di nozionismo) più è in grado di capire la realtà e il mondo che ci circonda.

Di fondo quest’argomento è stato ripreso anche da Matteo Strukul, altro autore italiano che negli ultimi mesi sta facendo molto parlare di sé anche all’estero.

Lo scrittore, durante la presentazione del suo ultimo romanzo storico dedicato alla figura di Michelangelo, sottolinea l’importanza dell’insegnamento dell’arte, della letteratura e della storia.

L’insegnamento è vano se non è collegato anche alla conservazione e alla promozione del ricco patrimonio artistico di cui l’Italia dispone (non voglio entrare in merito a discorsi politici, sia chiaro).

Strukul mi ha lasciato senza fiato: è un personaggio eclettico, di vasta cultura, che “non se la tira” anche se potrebbe.

La presentazione è stata condotta da Daniele Bossari, che ho davvero rivalutato. Ha fatto una lettura di alcuni passaggi del libro a dir poco meravigliosa.

Spero che qualcuno per il futuro valuti l’idea di fargli registrare qualche audio-libro.

E finalmente dopo dieci anni sono riuscita a conoscere Licia Troisi, la regina del fantasy italiano.

Che dire di lei? Astrofisica, scrittrice, conduttrice di un programma tv, mamma…

Un vulcano di idee, una donna con la mente sempre in movimento, eppure di un’umiltà e di una semplicità incredibili.

Ha presentato il suo ultimo romanzo dedicato alla saga del Dominio, “L’isola del santuario” di cui vi parlerò in uno dei prossimi venerdì del libro.

La cosa che mi ha colpito di più è stata la spiegazione che ha dato sul genere fantasy e l‘attinenza con la realtà che ci circonda: esempi alla mano ha dimostrato come nei suoi romanzi le problematiche sociali siano sempre presenti.

Addirittura, la Troisi ha voluto scrivere il suo primo romanzo spinta dall’esigenza di parlare della guerra ed in particolare della parte più cruenta degli scontri in combattimento: la lotta con le armi bianche o a mani nude.

E questo mentre la guerra in Afghanistan diveniva un evento da dare in pasto all’audience, come era già avvenuto dieci anni prima con la Guerra nel Golfo.

L’attinenza alla realtà del mondo che ci circonda è lo sfondo dei romanzi di Alessia Gazzola, che presentava “Il ladro gentiluomo” (inutile dire che ne tratterò in seguito, eh!).

Di fatto è stato l’incontro che mi ha esaltato di meno, perché la scrittrice ha parlato poco del libro in sé e molto del rapporto con il mondo del cinema.

Ha lasciato lo spazio anche agli attori della serie televisiva tratta dai suoi libri e alla band della colonna sonora.

Tirando le somme, è stata una giornata eccezionale. Avere a che fare con personalità così diverse, così stimolanti non può che farti sentire poi diversa.

Ora cercherò più che mai di applicare quello che ho imparato rapportandolo alla mia vita.

Voi invece qual’è l’ultima esperienza stimolante che avete vissuto?

Sono curiosa di leggere le vostre risposte.

Facebook Comments

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *