datemiunam-brescia-donna-3.0-rubrica-femminile-tecnologia
BRESCIA DONNA 3.0

Brescia donna 3.0: Clara Punta

Buon lunedì e benvenute al nuovo appuntamento con al rubrica dedicata alle leonesse di Brescia.

Lo scorso mese abbiamo parlato di integrazione e di mondo arabo assieme a Emanuela del blog “Per mille cammelli”.

La protagonista della puntata di oggi invece ci parlerà di un tema diverso: prendersi cura di sè e volersi bene. Si chiama Clara e gestisce il gruppo e la pagina Facebook ” I BIOsegreti di Clara” dove prova e consiglia alle donne prodotti ecobio autoprodotti o di note aziende.

Perché l’ho scelta

Non ho ancora avuto il piacere di incontrare Clara personalmente, ma la incontro virtualmente sul suo gruppo. E’ una persona attenta ai bisogni degli altri, che sa ascoltare, consolare e consigliare.

Intervista a Clara di “I BIOsegreti di Clara”

1.Ciao Clara, raccontaci qualcosa di te
Mi chiamo Clara, ho 34 anni, sono nata a Viadana in provincia di Mantova e mi sono trasferita a Brescia quasi  9 anni fa quasi per amore. Ora sono mamma di tre meraviglie!
2. Puoi spiegarci in modo semplice cosa fai?
 Sono un truccatore specializzato in trucco sposa, ma ho anche un gruppo Facebook che si chiama “I BIOsegreti di bellezza di Clara” dove aiuto tantissime donne a volersi bene. E’ un gruppo che io chiamo big family perché  è  una community dove ci si aiuta tantissimo  ad essere più consapevoli di noi stesse e a usare  prodotti ecobio.
Facciamo consulenze personalizzate, aiutiamo le persone a far ricrescere i capelli,  colorare i capelli con prodotti naturali e diamo consigli anche per una skincare corretta.
3. Come mai hai deciso di intraprendere la strada del bio e del “fatto in casa”?
La mia curiosità verso i prodotti ecobio è nata al momento in cui aspettavo la mia prima figlia. Ho cercato per la sua sicurezza dei prodotti “delicati”, ho incominciato a curare l’alimentazione, a cercare qualcosa di più sano. Poi quando ho incominciato a frequentare la scuola per il trucco ho incominciato a leggere gli ingredienti che questi prodotti contenevano e ho iniziare a studiare.
Ma il vero cambiamento l’ho avuto con la seconda gravidanza. Durante la mia fase di allattamento ho avuto una grossa perdita di capelli e ho rischiato quasi le calvizie. Allora ho cercato soluzioni diverse da quelle tradizionali perché non ricevevo nessun beneficio né con fiale, né con shampoo per parrucchieri, né con altri trattamenti.
4. Quanto ha pesato sulla tua decisione il fatto di essere mamma?
 Beh il mio percorso nell’ ecobio ma anche il mio percorso professionale è iniziato nel momento in cui sono diventata mamma perché, quando diventi un genitore ti scatta qualcosa dentro, pensi anche a dare un buon esempio e cerchi di essere la versione migliore di te stessa per i tuoi figli.
5. Come è organizzata la tua giornata?
 La mia giornata inizia presto la mattina. Preparo le bambine per andare a scuola, una va in terza elementare l’altra fa il primo anno di asilo, la terza bambina invece rimane a casa con me . Quindi la gestione della casa, cucinare, pulire, stirare come tutte le donne che hanno una famiglia. La mia giornata prosegue sui social con il mio gruppo cercando di far conoscere aziende, cercando di sperimentare anche per le mie ragazze, cercando di trasmettere questa grande passione. È come se lavorassi ma da casa.
6. Quanto sono importanti i social per la tua professione e la tua passione?
 I social per me sono importantissimi, sono su facebook e Instagram principalmente.
7.Quanto tempo al giorno dedichi loro?
 Dipende, cerco di gestirmi il più possibile in base alle esigenze del mie bambine, in base alle giornate, ma per fortuna non sono sola.
Il gruppo e la pagina sono gestite sia da me che dalla mia socia Emanuela e ho sei moderatrici che mi aiutano, sei donne meravigliose, appassionate e competenti.
8. Cosa vuoi comunicare attraverso i tuoi post e le tue immagini?
 Quello che voglio comunicare tutti i giorni attraverso i miei post nel gruppo è che bisogna e volersi bene, bisogna cercare in questa vita frenetica di dedicarsi del tempo, perché io dico sempre che una donna quando si sente meglio è una donna più felice, una moglie più contenta e una mamma più appagata. 
Bisogna farlo però con i prodotti giusti, prodotti che ti rispettano, che rispettano la tua pelle, i tuoi capelli e anche lì’ambiente.
Perché esistono, eccome se esistono!
9. Facebook versus Instagram: quale social preferisci tra i due e perché?
Sono un po’  di parte, mi piace più Facebook lo vedo più un social comunicativo rispetto a Instagram che è molto di apparenza
10. Cosa ne pensa la tua famiglia del tuo lato social?
Questa è una domanda interessante.
Vedo che mio marito mi appoggia e le mie figlie sono ancora piccole per capire realmente cosa io faccia sui social.
La più grande mi dice sempre che vorrà venire nel gruppo a insegnare con me le ragazze, mah….vedremo!
11. C’è qualche cosa che sogni di fare da tanto tempo e se sì perché non l’hai ancora fatto?
 Una cosa che sognavo di fare da tempo era creare un prodotto tutto mio con un’azienda.
Questo sogno alla fine si è realizzato! Un’azienda importante in questo settore, la Phitofilos, ha creato in collaborazione con me il cowash che è il mio lavaggio alternativo preferito per i capelli. È dentro questo prodotto che c’è la mia espressione dell’amore per il bio.
Una cosa invece che sogno da tanto tempo è realizzare una linea di make up ecobio tutta mia…chissà !!!
12. Quali sono secondo te i tre valori più importanti che vorresti trasmettere alle tue figlie?
 I tre valori più importanti che vorrei trasmettere alle mie figlie sono questi: il rispetto, che è una cosa fondamentale nella vita. Rispettare le altre persone, le abitudini, i tempi, le religioni, le culture, le ideologie, i comportamenti, i modi di fare senza però tradire se stessi.
In secondo luogo la famiglia. Sto cercando di insegnare alle mie figlie che la famiglia è un appoggio che ci si sostiene. Anche come genitore cerco di essere un esempio e spero proprio che mi seguiranno. La famiglia intesa come protezione, ma soprattutto anche come modello educativo.
Infine, il terzo valore che secondo me  più  che un insegnamento è un augurio, voglio insegnare loro a essere libere.
Non vorrei mai che le mie figlie fossero costrette a volersi sposare se non ne hanno voglia, a dover  fare dei figli se questo non è il loro desiderio.
Non vorrei che le mie figlie fossero costrette a fare un lavoro che non piace loro, vorrei che le mie mie figlie fossero libere di vivere la vita che hanno deciso.

Vorrei che le mie figlie fossero soddisfatte e appagate e non legate a una vita imposta.
Vorrei che le mie figlie fossero libere e felici, vorrei che possano scegliere e decidere cosa fare e chi essere.

Conclusione

Clara è una persona altruista e dinamica, consapevole di sé e allo stesso tempo disposta a lasciare il giusto spazio agli altri. E’ l’esempio che se fortemente motivate si può arrivare a promuovere la propria passione nonostante si abbiano un lavoro e tre figli.

SAVE THE DATE: il nostro appuntamento per la quindicesima  puntata di “Brescia donna 3.0” è per il giorno 25 novembre.

Venite a conoscere le altre leonesse di Brescia:

Facebook Comments

Last Updated on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *