BRESCIA DONNA 3.0: GIADA FARINA E MARIA ROSARIA ZUROLO

Buon inizio settimana e benvenute al terzo appuntamento della mia rubrica "Brescia donna 3.0"

Le protagoniste di oggi sono due donne che hanno inseguito un sogno e hanno lottato per farlo diventare realtà.

La giovane Giada ha creato con l'aiuto della madre Rosy e del suo compagno un luogo unico, il regno dei golosi.

Sto parlando del famoso laboratorio "Le torte di Giada" ( se vuoi dare un'occhiata alle loro delizie clicca qui ma non farlo a stomaco vuoto!)

Perché le ho scelte

Ho conosciuto di persona Rosy un anno fa ad un incontro di formazione sul potere dei social a Brescia.

Era una delle relatrici e mi ha colpito molto la storia de "Le torte di Giada", ma soprattutto mi ha colpito lei con la sua personalità dirompente e allo stesso tempo semplice e disponibile.

E' passata a chiacchierare con tutte, si è presentata ma con discrezione e delicatezza e, chiacchierando con me, mi ha detto che se mai avessi avuto in mente qualcosa di contattarla.

Quando l'ho fatto, nonostante i suoi mille impegni, ha tenuto fede alle sue parole.

Ho scelto di raccontarvi di lei perché è una mamma formidabile che lavora con Giada, sua figlia.

La particolarità è che "Le torte di Giada" non è un'attività familiare gestita dai genitori e poi "tramandata" alla figlia, ma al contrario: Giada ha fatto di tutto per inventarla a partire da zero.

Intervista a Rosy e Giada di Le Torte di Giada

  1. Rosy e Giada, una madre e una figlia che lavorano assieme ad un grande progetto. Rosy, descrivi Giada con tre aggettivi. Giada, tre parole su tua madre

Giada e’ precisa , generosa , molto professionale

Rosy e’ etica , generosa , mamma

  1. E' ormai di dominio pubblico che Giada, benché abbia sempre avuto la passione per la cucina, inizialmente ha studiato altro. E' stata una scelta di ripiego?

Noi genitori non appoggiavamo la scelta di Giada di fare la pasticcera, la preferivamo architetto , ma raggiunta l’indipendenza economica , a 30 anni ha deciso di dare retta alla vocina interna che le ripeteva “torte” continuamente

  1. Quando e come Giada ha deciso di seguire la sua passione?

Dopo un viaggio di lavoro in America , e’ tornata parlando di Cake Design e di quello che aveva scoperto

  1. Come è nata l'idea di aprire "Le torte di Giada"?

Da li’ l’idea e la partenza del brand “Le Torte di Giada” e siamo stati pionieri delle torte American Style. Giada ha seguito un corso (e segue tuttora aggiornamenti) di pasticceria alla Castalimenti.

5.Quali sono i vostri tre lavori di cui andate più fiere?

Forse in assoluto la torta per Papa Francesco che abbiamo consegnato personalmente al Santo Padre

  1. Giada, quanto è stato importante per te il sostegno dei tuoi genitori e non solo per questo progetto?

Fondamentale ! Mi hanno aiutato in tutti i modi possibili e consigliandomi con la loro esperienza professionale. Marco (marito di Rosy) a sua volta e’ pasticcere , ma bravissimo con business plan , regole degli acquisti ecc

  1. Rosy, qual è stata o qual'è la tua paura più grande nei confronti di Giada?

Giada e’ sempre stata una persona responsabile.

Fin da bimba , non ho mai avuto paure reali se non quelle in caso di incidenti e farsi male. Poi e’ cresciuta con valori che porta avanti tutti i giorni , per noi in famiglia l’etica e’ tutto e vale la regola “non fare ad altri quello che non vorresti fosse fatto a te !

  1. Come riuscite a lavorare assieme senza "pestarvi i piedi" a vicenda?

Ognuno di noi si e’ preso un compito e lo porta avanti.

Rosy con i social e la sua “ naturale “ presenza ha trovato la sua strada; a  Giada  piace più far parlare di se’ attraverso le sue creazioni e la professionalità; Marco e’ il top in fatto  di economia aziendale.

Comunichiamo tantissimo, ci confrontiamo e facciamo squadra. Il segreto e’ questo

  1. Come sarebbe il vostro giorno perfetto?

Abbiamo giorni perfetti! Prendiamo zainetti e cani  (ne abbiamo due )  e via in montagna

  1. C'è qualche cosa che sognate di fare da tanto tempo e se sì perché non lo avete ancora fatto?

Credo che abbiamo realizzato tanto, tantissimo. Abbiamo aperto in tempo di crisi , dunque ci siamo temprati , ora un progetto di franchising ci piacerebbe ... Chissà!

  1. Rosy, quali sono i tre valori più importanti che vuoi trasmettere a tua figlia?

Giada e’ cresciuta con valori che le ho trasmesso non da sola,  ma anche i nonni hanno contribuito e’ cresciuta con loro e a loro dico grazie!

  1. Giada, tre cose che hai imparato da tua mamma e da tuo papà

Sono dei grandi lavoratori e il loro esempio e’ stato fondamentale poi l’allegria di mamma e la sua concretezza

datemiunam-brescia-donna-3.0-torte-di-giada
Ecco qui il Papa mentre taglia la sua torta

Conclusione

Spero di aver saputo rendere giustizia a Giada e Rosy e a dimostrare che, quando la volontà di rendere un sogno reale è così forte da farci andare contro il parere di tutti, anche quello della nostra famiglia, allora forse è dovere di noi genitori fermarci e valutare bene l'idea per capire assieme se può diventare qualcosa di concreto.

Se volete, potete lasciarmi nei commenti altre domande da fare alla nostra protagonista del mese.

SAVE THE DATE: Il nostro appuntamento per la seconda puntata di "Brescia Donna 3.0" è per il giorno 17 dicembre.

Se vuoi fare felici Giada, Rosy e me puoi aiutarci a far conoscere la rubrica, attraverso i social oppure con un semplice passa parola.

Buona continuazione!

Venite a conoscere le altre leonesse di Brescia:

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *