brescia-donna-3.0-rubrica-femminile-tecnologia1-
BRESCIA DONNA 3.0

Brescia donna 3.0: Michela Lazzaroni

Buon lunedì e benvenute al nuovo appuntamento con al rubrica dedicata alle leonesse di Brescia.

Lo scorso mese abbiamo parlato di arredamento assieme a Cristina ma soprattutto abbiamo spiegato come sia importante per ogni bambino avere un ambiente basato sulle sue esigenze e sulla sua personalità, dove sia possibile sì riposare ma soprattutto sentirsi sicuri e protetti per aumentare la fiducia e l’autostima dei più piccini.

La protagonista della puntata di oggi invece ci parlerà di bambini e di lentezza. Si chiama Michela e da anni scrive sul blog “La bella tartaruga” dove racconta della sua vita con i suoi quattro figli all’insegna del motto “essere lenti, green e felici”.

Perché l’ho scelta

Come Michela anche io mi identifico molto nel suo motto: cerco di vivere green senza essere fanatica (sapete che sul blog “Mamma aiuta mamma” scrivo di come prendersi cura di sé usando ingredienti naturali?), ho parlato spesso e volentieri di quanto per me la lentezza sia importante (e continuerò a farlo) ed infine la felicità è quello che tutti cerchiamo.

Intervista a Michela Lazzaroni di “La bella tartaruga”

  • Pillole di te: chi sei e cosa fai nella vita
Ciao a tutti! Mi chiamo Michela, sono sposata da 10 anni e ho 4 figli. Da qualche anno mi dedico quasi completamente alla mia famiglia, una scelta che non è stata semplice da prendere, ma che in realtà mi ha dato molte soddisfazioni. Nel poco tempo che mi resta, scrivo sul mio family blog che – come aggiungo sempre – ha un animo green!
  • Tre lati del tuo carattere che ami e tre che detesti.

Caratterialmente sono una persona sensibile, determinata e sincera. Vorrei essere un po’ meno solitaria e lunatica, ma soprattutto vorrei imparare a capire le mie potenzialità al posto di sottovalutarmi. Devo dire però che con gli anni sto imparando a trovare un equilibrio.
  • La tua citazione preferita

Ne ho due! La prima è “vola solo chi ora farlo” di Luis Sepulveda dal suo libro “Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”.
La seconda è una famosissima citazione di Mahatma Gandhi : “Sii il cambiamento che vuoi vedere nel mondo”.
  • Da anni gestisci un blog un po’particolare, soprattutto se rapportato alla società che ci circonda che fa della rapidità e dell’esserci ad ogni costo un must

Sì, è vero, il mio blog parla anche di lentezza. È un grande insegnamento che ho imparato dai miei bambini e non significa fare tutto lentamente, ma dedicare il giusto tempo ad ogni cosa. Osservandoli, mi sono accorta di quando spesso noi adulti andiamo di corsa e così facendo ci perdiamo tante cose belle. Grazie a loro ho riscoperto questa nuova dimensione, anche se a volte ci ricasco e ricomincio con ritmi veloci!
  • Come è nata l’idea di un blog?

Ho aperto il mio blog quando ero in attesa del mio secondo figlio. Avevo bisogno di staccare la mente dal lavoro di impiegata che svolgevo e l’unico modo per non pensare al lavoro era scrivere. Oltretutto la scrittura è sempre stata una delle mie grandi passioni.
  • Come nasce un tuo post?

Ci sono post che nascono all’improvviso e che scrivo con il cuore in mano. Altri fanno parte di un progetto più ampio e sono più “tecnici”. Per questi ultimi cerco di informarmi e studiare l’argomento, per poi scrivere la mia personale opinione o esperienza.
  • Quante ore al giorno dedichi al tuo blog?

In questi ultimi mesi sono stata ferma, la mia quarta bimba è davvero molto impegnativa. Ora ho appena scritto un nuovo post e conto di ricominciare a pubblicare con costanza, quindi un paio d’ore al giorno vorrei riuscire a dedicarle al blog.
  • Cosa vuoi comunicare attraverso i tuoi post e le tue immagini?

Vorrei riuscire a comunicare tutto ciò che ho imparato da quando sono mamma!
In particolare vorrei che arrivassero chiari e forti tre concetti, che poi sono il mio motto: essere lenti, green e felici.
Della lentezza ho già parlato sopra.
L’amore e il rispetto per la natura e uno stile di vita sostenibile, hanno sempre fatto parte di me, ma da quando ho dei figli, sento che devo fare ancora di più per regalare loro un mondo bello e pulito.
Per quanto riguarda la felicità… Beh! In una casa piena di bambini è impossibile non esserlo!
  • Il concetto di lentezza come si sposa con la gestione di una famiglia così numerosa? Io sono sempre di corsa e di figli ne ho solo due…

Abbiamo imparato ad organizzarci per non perdere tempo. Questo non vuol dire che facciamo tutto perfettamente, ma abbiamo creato delle buone abitudini (ad esempio una routine della mattina o della sera) che ci permettono di essere efficienti, pur dedicando il tempo necessario ad ogni cosa.
  • Quanto sono importanti i social in rapporto al tuo blog?

Personalmente faccio un po’ fatica a pubblicare regolarmente sui social, per cui non posso dire che siano fondamentali per attirare i lettori sul mio blog.
Invece, li uso molto per raccogliere informazioni e spunti per scrivere dei blog post o per creare nuovi progetti.
  • Qual è il social che senti più affine?

Al momento Instagram, anche se non amo le immagini troppo finte e studiate. Facebook, invece, lo uso con alti e bassi.
  • Sei iscritta a qualche gruppo di Facebook? Li ritieni utili ai fini della tua attività?

Sì, sono iscritta a pochi gruppi, ma selezionati con cura. Li ritengo molto utili perché mi permettono di confrontarmi con più persone e allargare così la mia comprensione di determinati argomenti o tematiche. Altri gruppi sono più “leggeri” e li uso come fonte di idee per creare nuovi progetti o rubriche per il mio blog.
  • Come concili la tua vita da blogger con il resto della tua vita familiare?

Su questo ci devo ancora lavorare molto! Purtroppo, avendo quattro figli tutti ancora relativamente piccoli, spesso le loro esigenze si accavallano a quelle del blog. Ma pian pianino sto trovando un equilibrio anche per questo!
  • Cosa ne pensa la tua famiglia alla tua vita da blogger?

Mio marito è un po’ di parte e secondo lui scrivo bene, ma mi guarda con gli occhi dell’amore, quindi non so se è credibile!
  • Come sarebbe il tuo giorno perfetto?

Riuscire a fare la colazione da sola prima che i miei bimbi si sveglino, basterebbe questo! Ma tutte le volte che metto un piede fuori dal letto, qualcuno si alza (e di conseguenza anche tutti gli altri). Ancora non ho capito come fanno a sentirmi e a svegliarsi!
  • C’è qualche cosa che sogni di fare da tanto tempo e se sì perché non l’hai ancora fatto?

Mi piacerebbe tantissimo andare al Polo Nord! È un viaggio che ho sempre sognato di fare, ma costa davvero troppo per le mie tasche.
  • Quali sono secondo te i tre valori più importanti che vuoi trasmettere ai tuoi figli?

A casa mia abbiamo due regole fondamentali: il rispetto per le altre persone e il rispetto per le cose e il mondo che ci circonda. Sono due regole molto semplici ma allo stesso tempo ampie e impegnative.
 
Per rispetto delle altre persone intendo non solo non far loro del male, ma anche essere empatici, cercare di capire i loro sentimenti e rispettarli.
La stessa cosa vale per le cose. Quindi non sprecare, non rompere o distruggere, cercare di creare un ambiente armonioso attorno a sé stessi e agli altri.
L’ultimo valore è quello di scegliere sempre la felicità, rispettando sé stessi e le proprie inclinazioni. Accettarsi per quello che si è, con i propri pregi e difetti.

Conclusione

Michela è una persona che canta fuori dal coro: in un mondo dove tutto va di corsa, dove si è sovraccarichi di impegni e cose da fare, lei ci insegna a rallentare e a vedere in prospettiva la nostra quotidianità.

Spero di essere riuscita a far trasparire il fatto che essere lenti, green e felici è possibile per ognuno di noi, basta rispettare se stessi, gli altri e…organizzarsi.

SAVE THE DATE: il nostro appuntamento per la tredicesima  puntata di “Brescia donna 3.0” è per il giorno 23 settembre.

Venite a conoscere le altre leonesse di Brescia:

 

Facebook Comments

Last Updated on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *