mille-miglia-brescia-bambini
BRESCIA E DINTORNI

Brescia e la Mille Miglia

In questo periodo le famiglie bresciane sanno già cosa faranno questo fine settimana: andranno a vedere il ritorno delle Mille Miglia, la storica corsa di auto d’epoca che si tiene ormai da ben novantadue anni a Brescia.

Parlo del ritorno perché coincidendo con il sabato a Brescia si organizza una notte bianca, cioè una grande festa con bancarelle e apertura straordinaria dei negozi fino a tarda ora.

Ma andiamo con ordine…

Cos’è la Mille Miglia

La Mille Miglia è una gara automobilistica. Nasce nel 1927 come gara di granfondo – cioè una corsa di grande distanza- e tale rimane fino al 1957, l’anno che tutti ricordano come l’anno della tragedia di Guidizzolo.

La Mille Miglia è concepita come una “corsa circolare”: parte da Brescia e si conclude a Brescia, toccando in quattro giornate diverse città come Sirmione, Ravenna, Milano Marittima, Bologna e Roma.

Il percorso su e giù dalla Penisola è lungo in totale circa 1600 chilometri che corrispondono a mille miglia imperiali e venne cambiato più volte prima di diventare definitivo.

Nel 1936 anche Benito Mussolini partecipò alla gara, salvo poi sospenderla nel 1938 a causa di una grave incidente: uno dei veicoli finì addosso alla folla uccidendo sette bambini e ferendo una ventina di persone.

Nonostante questo, la Mille Miglia riprese dopo la guerra, nel 1947 e venne definitivamente sospesa nel 1957 quando un pilota spagnolo che non aveva voluto fare il cambio gomme, a causa dello scoppio di un pneumatico, perse il controllo del veicolo travolgendo gli spettatori e uccidendo cinque bambini nei pressi di Guidizzolo, in provincia di Mantova.

Le autorità quindi decisero di non rinnovare i permessi per la gara di velocità, considerata fin troppo pericolosa.

I Bresciani però non vollero arrendersi e trovarono un espediente per ripristinare la corsa ed è così che dal 1977 la Mille Miglia diviene una gara di regolarità, in cui a vincere non è il pilota più veloce, ma quello più preciso.

Non tutti possono partecipare a questa prestigiosa corsa storica. Infatti le uniche vetture ammesse sono quelle il cui modello ha partecipato ad una delle precedenti competizioni tenutesi dal 1927 al 1957, indipendentemente dalla nazionalità del proprietario.

Queste bellissime auto d’epoca devono coprire il classico tragitto Brescia-Roma e ritorno – le città che toccano possono cambiare di anno in anno-guidando in mezzo al traffico e alle auto attuali, rispettando tutte le regole stradali (stop, semafori…) e tagliare il traguardo entro un tempo prestabilito.

Se si arriva prima o dopo si viene penalizzati, vince chi si avvicina di più. Esistono vari tipi di controlli che vengono effettuati durante la gara per verificare che i concorrenti non imbroglino: controlli orari, controlli a timbro, prove cronometrate…

Vi rimando al sito ufficiale in caso vi venisse voglia di saperne di più sugli aspetti tecnici.

brescia-mille-miglia-auto-epoca
Questa foto è stata scattata al ritorno delle Mille Miglia dell’edizione 2017 in piazza Arnaldo a Brescia

La partenza della Mille Miglia

La Mille Miglia quest’anno parte da Brescia mercoledì 15 maggio, dopo una bellissima fase chiamata “punzonatura” a cui se riuscite vi consiglio di assistere.

La punzonatura è l’apposizione di un sigillo di piombo che avviene dopo le verifiche di rito e che dichiara che piloti e vettura possono prendere parte alla gara.

E’ uno dei momenti più affascinanti della Mille Miglia, perché è possibile vedere i “bolidi” da vicino.

Una curiosità? In questa giornata, con rare eccezioni, piove sempre. Sarà così anche quest’anno?

mille-miglia-brescia
Anche questa foto è stata scattata in occasione della Mille Miglia di due anni fa

Il ritorno della Mille Miglia

Se non riuscite ad essere presenti alla “punzonatura”, non dovete però assolutamente perdervi il ritorno delle auto d’epoca a Brescia, previsto per sabato 18 maggio.

Come dicevo prima, la fine della gara culmina con una grande festa: Brescia, addobbata per l’occasione, si anima fino a tarda notte ed è possibile, oltre che mangiare e bere, fotografare le auto, scambiare quattro chiacchiere con l’equipaggio e gli appassionati, sentirsi parte di qualcosa di storico e grande, rivivere la passione di piloti folli e arditi che hanno fatto palpitare i cuori di grandi e piccini.

mille-miglia-brescia-bambini
Quanto era piccolo il mio pupo! E quanto si è divertito quell’anno a vedere le auto d’epoca delle Mille Miglia

La Mille Miglia e i bambini

E i bambini, dove li mettiamo? Ma li portate con voi, ovviamente!

Non conosco bambina o bambino a cui non piaccia andare alla Mille Miglia: i motori che rombano, le auto dalle forme strane, i colori, il clima goliardico fanno sempre presa su piccoli e grandicelli.

Se poi per caso avete visto “Il Maggiolino tutto matto” nei giorni precedenti ne saranno ancora più entusiasti!

Se proprio non riuscite a vederla, pazienza! Potete sempre visitare il “Museo delle Mille Miglia”, aperto tutti i giorni dalle 10 alle 18. Il biglietto costa solo € 8,00 e i bambini fino ai 10 anni non pagano.

Approfittatene!

 

Facebook Comments

Last Updated on

2 Comments

  • Jessica

    Grazie per tutte queste informazioni, che sinceramente non conoscevo! Mi è sempre piaciuta la Mille Miglia per il clima di festa che si respira in questa bella città. Infatti ogni anno, in pausa pranzo, esco a fare due passi cercando di mescolarmi tra la folla, dimenticando per un attimo di dover poi tornare al lavoro… ? Anche stavolta il clima non è stato dei migliori… Confidiamo nel prossimo anno! ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *