menu-settimanale-famiglia-bambini-come-fare-preparare-perché-consigli-pratici
vita con i bambini

Come preparare un menù perfetto per tutta la famiglia

Non sono mai stata una fanatica dei menù settimanali. I bambini mangiano in mensa a mezzogiorno, CF consuma anche lui un pasto in mensa, che sia pranzo o cena, per cui mi è sempre risultato difficile creare un menù che fosse valido per tutti i membri della famiglia.

Ma da quest’anno -ed io per inizio anno conto sempre settembre– le cose sono cambiate, perché mi sono resa conto che in realtà non c’erano delle motivazioni oggettivamente valide che mi impedissero di provare a creare un menù per tutta la famiglia.

Uno dei fattori che mi hanno sempre impedito di farlo è che ho sempre considerato un menù come qualcosa di troppo vincolante: ho scritto che è così allora si mangia così.

In realtà preparare un menù consente anche di essere flessibili: magari si invertono le pietanze o si cucina altro sempre con gli stessi prodotti.

Se poi capita un imprevisto, non muore mica nessuno!

E dopo aver provato il menù settimanale per un mese mi sono dovuta ricredere, perché utilizzarne uno ha davvero tanti vantaggi.

5 motivi per utilizzare un menù settimanale

Utilizzare un menù settimanale ha tutta una serie di vantaggi che vengono apprezzati non solo dalle mamme che lavorano.

  • Pensi solo una volta a cosa cucinare

Tutte quante abbiamo provato il senso di panico che ci coglie quando a poche ore dalla cena o dal pranzo fa capolino nella nostra mente la fatidica domanda “Cosa cucino oggi?”

Immaginate che bello avere una tabella dove c’è già chiaramente indicato cosa preparare! Questo permette di risparmiare tempo correndo avanti e indietro dalla dispensa al frigo cercando di improvvisare qualcosa di commestibile per tutta la famiglia. E alleggerisce il carico mentale di noi mamme (e a volte anche papà) che abbiamo sempre tante cose a cui pensare.

Io di solito dedico un’oretta alla stesura del menù il venerdì sera così poi mi occupo anche della lista della spesa.

  • Fai una lista della spesa mirata

Sapere già cosa preparerai la settimana successiva ti facilita la vita anche per quanto riguarda la stesura della lista della spesa. Un occhio a quello che abbiamo già in casa e alla nostra tabella e la lista della spesa è pronta. Questo inoltre ti consente di non comperare troppi alimenti o cose che finirai per non consumare.

  • Elimini gli sprechi

Un menù settimanale ti permette di essere sempre “sul pezzo” evitando sprechi di cibo. Sai cosa cucinerai per la tua famiglia giorno per giorno, comperi solo quello che realmente ti serve e non finisci per dover buttare cibo perché ne hai preso troppo e rischi di farlo scadere o non sai come abbinarlo agli altri alimenti che hai in dispensa o nel frigorifero.

  • Risparmi tempo

Se sai già cosa devi cucinare puoi fare una stima di quanto tempo ci impiegherai. In base a questo puoi gestire meglio i tuoi impegni: puoi permetterti perfino il lusso di rientrare un attimo più tardi da una passeggiata o di poltrire sul divano dieci minuti in più ( è bello sognare, vero mamme?). Se poi sei super organizzata, puoi decidere di preparare alcuni cibi prima. Io per esempio se so che la sera del tal giorno rientro tardi la sera prima o la mattina se sono a casa preparo già il pasto per la sera, di solito qualcosa che si mette direttamente nel forno.

  • Mangi sano e vario

Ecco, dai, magari sul sano non so, dipende tanto dal tipo di alimentazione che segui. Personalmente cerco di evitare i cibi industriali già pronti anche perché se organizzo bene i pasti i piatti pronti sono quelli preparati da me quindi si presume con materie prime migliori e senza conservanti.

In più fare un menù settimanale mi consente di variare quello che metto in tavola. Non so infatti se te ne sei mai resa conto, ma per un sacco di motivi più o meno fondati tendiamo a cucinare sempre le stesse cose a volte anche allo stesso modo.

Come vedi, esistono delle fondate motivazioni per cui utilizzare un menù settimanale conviene davvero. Adesso che le conosci, scommetto che ti starai però chiedendo  come si fa a preparare un menù a livello pratico.

Come preparare un menù settimanale perfetto per tutta la famiglia

Preparare un menù perfetto per tutta la famiglia è possibile e non è nemmeno troppo complicato. La prima cosa da cui partire è…la tua famiglia.

Le famiglie non sono tutte uguali. C’è chi segue diete particolari, chi è intollerante a vari alimenti, chi è vegetariano o vegano, chi predilige la carne e non il pesce, chi mangia integrale, chi autoproduce tutto…

Il punto di partenza quindi è lo stile alimentare della tua famiglia: quanto tempo rimanete a tavola – per esempio a pranzo se posso mangiare in mezz’ora perché poi devo tornare al lavoro cercherò di consumare qualcosa di leggero ma soddisfacente che non mi appesantisca troppo- , cosa vi piace e cosa no, cosa vorreste provare, cosa non vi sognate nemmeno lontanamente di mettere in bocca. E questo, cara amica, lo puoi sapere solo tu.

Ecco perché diffido molto dei menù settimanali che trovo in rete: vanno bene per prendere spunto ma alla fine devono essere modificati e perdo più tempo a cambiarli che a farne uno nuovo basato sulle mie esigenze.

Inoltre ricordati che i piatti che cucini devono essere adatti non solo agli adulti ma anche ai bambini. Per evitare quindi possibili rivolte o ammutinamenti, coinvolgi nella stesura del menù tutta la famiglia.

Io di solito lascio decidere a loro una giornata in cui mangiano solo cose che ritengono buonissime ma non sempre sanissime, come per esempio patatine fritte e wurstel, ma in cambio quando ci sono piatti che loro apprezzano meno (spinaci o bietole per esempio) non fanno troppe storie e li mangiano ugualmente.

Anche in questo caso il segreto è alternare i pasti e cercare di accostare cibi più buoni a cibi che lo sono meno.

Detto questo, un aiuto ci viene dalle linee guida degli esperti del settore. Un buon menù deve essere vario e seguire la stagionalità (vale a dire che è preferibile mangiare frutta, verdura e pesce che in natura troviamo nella stagione in cui siamo, per cui magari evitiamo le fragole in inverno).

Un’alimentazione equilibrata privilegia l’utilizzo di molta frutta e verdura, preferisce il pesce alla carne e le carni bianche su quelle rosse, limita l’uso di formaggi stagionati e di grassi animali a favore dell’olio extravergine d’oliva, non elimina i carboidrati ma li preferisce integrali e incentiva il consumo di legumi.

Per cui in soldoni preparare un menù adatto a tutta la famiglia vuol dire alternare cibi, condimenti, metodi di cottura, categorie alimentari e…sbizzarrirvi! Credetemi, non serve essere grandi chef per soddisfare il palato dei nostri cari.

Se poi i vostri bambini mangiano in mensa, allora le cose sono ancora più semplici. Non dovete fare altro che prendere il menù che vi forniscono e partire da lì.

Se per esempio a pranzo si mangia pasta al pomodoro, formaggio, insalata, pane e frutta la sera potete preparare un passato di verdure con crostini e una fettina alla pizzaiola.

Sembra difficile ma, credetemi, è più semplice di quello che riuscite a immaginare. Se a pranzo c’è il riso, la sera magari prepara la pasta o gli gnocchi, se c’è la carne metti il pesce e così via.

Io preferisco sempre cucinare la sera un secondo con un contorno e a pranzo un primo, ma visto che in mensa mangiano sia primo che secondo magari la sera preparo un piatto unico o se faccio primo e secondo mi butto su minestre, creme o vellutate e vario poi le proteine: pesce, carne bianca, uova, formaggi e legumi.

I vostri bambini provano un odio viscerale per pesce, uova o verdure? Niente paura, si possono trovare degli escamotage, per esempio provare con delle gustosissime polpette o degli invitanti soufflé.

Adesso non ti resta che provare a fare il tuo menù perfetto per tutta la famiglia. Sono sicura che dopo le prime due volte non lo abbandonerai più!

PS: sul blog c’è una sezione dedicata alle ricette facili e veloci a prova di papà e di bambini. Prova a vedere, magari trovi qualcosa che ti può essere d’aiuto

 

Immagine tratta da Freepik

Facebook Comments

2 Comments

  • mamma avvocato

    Io ci ho provato ma proprio non riesco, a preparare un menu’. Sono convinta anche io di ci’ che scrivi ma è più forte di me. Poi c’è il fatto che in mensa, in due scuola diverse, i miei figli mangiano pranzo e non vogliono a cena nulla di simile a cio’ che hanno mangiato a pranzo. Quindi devo incrociare due menu’ con la proposta serale, un casino….! Vado a braccio, in realtà pianificando il giorno prima. Pero’ devo dire che di spreco ne abbiamo davvero poco poco e vario molto. Per me un buon trucco è anche, se è possibile, cambiare ogni tanto supermercato: ho notato, infatti, che se vado sempre nello stesso, ci metto meno tempo a riempiere il carrello e vado sul sicuro che piaccia, pero’ tendo a comrpare sempre le stesse cose. Invece cambiando super sono indotta a variare proposte alimentari e spesso faccio piacevoli scoperte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *