“I DURRELL-LA MIA FAMIGLIA E ALTRI ANIMALI”

Capita a volte che, nonostante la stanchezza, la notte anche io soffra di insonnia.

Lungi da me tediarvi sulle cause psico-fisiche di tale condizione che mi accomuna a una buona fetta del genere umano ( avete notato che gli animali invece non ne soffrono?).

L'altra notte, sveglia e arzilla come un grillo, mi sono riappropriata del mio tablet e, armata di auricolari per non svegliare il can che dorme, vale a dire colui che condivide con me il talamo nuziale bimbi permettendo, ho cercato qualcosa di nuovo da guardare.

Ho trovato puramente per caso questa mini-serie televisiva formata da sei episodi soltanto, che per me è stata una rivelazione.

Sto parlando di "I Durrel-la mia famiglia e altri animali", proposta da LaEffe il mese scorso.

E' una serie inglese basata sulla trilogia del naturalista ed esploratore Gerald Durrell.

Questi sei episodi  vedono il protagonista ancora bambino.

Jerry ha dieci anni e vive in una sfigata cittadina inglese.

Bambino timido ed introverso, adora la vita all'aria aperta e preferisce trascorrere il suo tempo assieme agli animali piuttosto che con i suoi simili.

Questo gli causa non pochi problemi a scuola tanto che la madre, Louisa, dopo una furibonda lite con il direttore a causa dell'ennesima punizione corporale tanto in voga negli anni Trenta, prende la saggia decisione di ritirarlo da scuola.

Louisa, poveraccia, ha sulle spalle il peso di tutta la famiglia. Il marito infatti è morto qualche anno prima lasciandola con ben quattro figli, tre dei quali in piena adolescenza (e già questo è bastata a rendermela simpatica).

Come se non bastasse, i Durrell sono poveri in canna.

Quindi, riassumendo, giovane madre vedova con quattro figli da allevare e neanche un soldo per sfamarli in una cittadina inglese che più triste non si può che si trova a fronteggiare la dura vita del 1937.

Louisa, lasciatemelo dire, è una donna sui generis: invece di sprofondare nella melma dell'autocommiserazione (benché ne abbia tutti i diritti), segue con grande spirito d'avventura la bislacca proposta buttata lì così, quasi come una battuta, dal figlio più grande: andiamo a vivere a Corfù, un po' come quando per scherzo diciamo "Piantiamo tutto e apriamo un barettino in un'isola tropicale".

Detto fatto: dalla grigia e avvilente Inghilterra si passa alla colorata e chiassosa Corfù.

Jerry non è l'unico stravagante in famiglia, anzi, a conti fatti, conoscendolo, si arriva a capire che forse è il più normale.

Il primogenito, Larry,  è quello che in seguito diventerà il famoso poeta Lawerence Durrell. Amante delle donne, della vita goliardica, del gioco, ma allo stesso tempo colto ed erudito, si atteggia già da grande scrittore.

Leslie, l'altro maschio, ha la fissa della caccia e delle armi, si comporta da duro e si assume il ruolo di capo-famiglia, con dei risvolti davvero comici.

Margot, l'unica femmina, è una frivola ragazza di sedici anni il cui scopo principale nella vita pare sia incontrare l'amore.

Riuscite ad immaginare cosa combinano questi quattro ragazzi, lasciati a loro stessi, su un isola greca di cui non conoscono neanche la lingua?

E se vi dicessi che le vicende si fanno addirittura più incredibili quando decidono di trovare un nuovo marito alla bella Louisa?

Questi sei episodi sono stati fantastici. Già di per sé vale la pena guardarli per l'ambientazione: Corfù è entrata a pieno titolo nelle prossime mete per le vacanze.

Come se non bastasse, è sempre divertente vedere gli Inglesi alle prese con una cultura diversa dalla loro. E posso a stento immaginare uno stile di vita così agli antipodi come quello greco.

In più, anche i personaggi greci fanno ridere: dalla cameriera che lavora praticamente gratis, tipica donna ellenica vestita di nero, superstiziosa e pratica al tempo stesso, alla giovane e bella ragazza che ruba il cuore di Leslie, alla contessa per cui lavora la piccola Margot.

Anche la parte maschile della fauna locale ha un suo fascino: il taxista Spiro, il giovane Angelos, lo studioso Theo...

Con il tipico umorismo british, Jerry analizza la propria famiglia quasi fossero sotto un microscopio, mettendo in luce le loro stranezze e particolarità come si fa con gli animali esotici.

Una visione davvero bella, divertente e poetica che insegna il valore della lentezza, la gioia di vivere, la fugacità del momento e soprattutto che i sogni a volte si avverano.

Cercatela e ditemi cosa ne pensate.

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *