leoni-di-sicilia-stefania-auci-libro-romanzo-recensione-saga-florio
libri per mamme e papà

“I leoni di Sicilia” di Stefania Auci

Secondo appuntamento di luglio per il venerdì del libro, di cui ringrazio sempre Paola di “Homemademamma”.

Luglio ha il sapore delle vacanze, del sole, del mare…

Quindi oggi vi porto in Sicilia, dove è ambientato il romanzo di Stefania Auci, protagonista del post di oggi.

“I leoni di Sicilia” di Stefania Auci: brevi cenni alla trama

Corre l’anno 1799, una data che preannuncia la fine di un’era e l’inizio di un’altra, specialmente per la famiglia Florio.

Paolo e Ignazio, due fratelli, assieme alla loro famiglia, lasciano il piccolo paesino calabrese dove sono nati per cercare fortuna a Palermo.

Con impareggiabile spirito d’iniziativa, duro lavoro, grande fiuto per gli affari e anche un po’ di fortuna  riescono a trasformarsi in trasportatori di spezie a commercianti di spezie. La loro buona stella li guida verso l’espansione economica: zolfo, seta, vino, tonno…

Nell’arco di una generazione i Florio passano da umili facchini a veri e propri commercianti, con addirittura una loro compagnia di trasporto.

Dalla Sicilia si espandono fino alle maggiori zone commerciali dell’epoca, guidati da un unico intento: quello di diventare i più potenti commercianti siciliani.

La loro sete di riscatto sociale deve però continuamente fare i conti con la mentalità dell’epoca: le famiglie nobili, spesso in bancarotta, non vedono di buon’occhio l’avanzata della borghesia, il cui sangue è contaminato dalle gocce di sudore…

“I leoni di Sicilia” di Stefania Auci: recensione

Devo ammettere che i primi capitoli della storia non mi hanno conquistato. Troppi nomi, troppi racconti intrecciati, il ritmo troppo lento…

Ma poi la storia mi ha catturato, allo stesso ritmo con cui una fregata lascia il porto e fila via veloce non appena si trova al largo con il vento giusto.

Mi ha incuriosito la trama, volevo vedere cosa la sorte riservava ai due fratelli. Forti, grandi lavoratori, con quella tipica testardaggine che spesso si attribuisce ai calabresi e allo stesso tempo con un fiuto per gli affari che li porterà sulle vette, nonostante tutto e nonostante tutti.

Abile scrittrice, Stefania Auci, che intesse storie secondarie a quella principale, non facendo segreti su quali sono i suoi personaggi preferiti e relegando nell’ombra quelli che ormai non servono più.

Anche lo stile, curato, alterna momenti dialettali all’italiano, evitando quella sensazione di forzatura o di stonatura di chi, spesso, butta frasi in dialetto qua e là, a caso quasi.

Interessante anche vedere come innesti la storia inventata con i fatti realmente accaduti, creando un quadro abbastanza verosimile senza essere pedante in maniera eccessiva.

Il particolare che mi ha molto colpito è l’accuratezza nel ricreare l’atmosfera dell’epoca: sembra infatti di vivere e di passeggiare a Palermo.

Anche quando, per esempio, si parla del Marsala (che da semplice vino popolano è stato trasformato in qualcosa di sublime dalla famiglia Florio) mi è tornato in bocca il gusto della bevanda!

Un vero successo, questo romanzo storico, una piccola perla del panorama letterario della nostra Penisola!

Ed ora non mi resta altro che aspettare l’uscita del secondo volume dedicato alla saga dei fratelli Florio.

SCHEDA TECNICA

Titolo: I leoni di Sicilia

Autore: Stefania Auci

Edito da: Casa Editrice Nord

Anno di pubblicazione: maggio 2019

Pagine: 448

Qual è stato il libro più interessante che avete letto nell’ultimo mese?

Scrivetelo nei commenti!

Vi ricordo anche che, se avete voglia di seguirmi sui social, trovate i miei consigli di lettura ogni venerdì sulla mia pagina facebook e su IG digitando l’hashtag #anchelemammeleggono.

Buona continuazione!

Con questo post partecipo al concorso #unblogalmese del mese di luglio 2019 indetto dal blog “Trippando”

Facebook Comments

Last Updated on

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *