il-circo-della-notte-erin-morgenstern-libro-romanzo-trama-riassunto-recensione-opinion
libri per mamme e papà

Il circo della notte di Erin Morgenstern

Si avvicina la notte più spaventosa dell’anno e quindi perché non proporvi una lettura che mischia magia e realtà?

Si tratta del romanzo fantastico “Il circo della notte” scritto da Erin Morgenstern. L’ho scelto come protagonista per questo venerdì del libro perché mi ha affascinato fin dai primi capitoli: la forza della narrazione sta nel trasportare il lettore all’interno del circo.

Siete pronte? Andiamo!

“Il circo della notte” di Erin Morgenstern: brevi cenni alla trama

“Le Cirque des Rèves. Apre al crepuscolo, chiude all’aurora” così recita il cartello all’ingresso del circo. Il circo dei sogni non è un circo come tutti gli altri: compare senza preavviso in luoghi inaspettati. Attrae tutti, adulti e piccini, e quando smonta le tende per ripartire chi l’ha visitato non si sente più lo stesso.

Perché il Circo dei sogni è magico, realmente magico e i suoi artisti sono personaggi speciali che non si trovano da nessun’altra parte, creature dotate di talenti spettacolari ai limiti della realtà.

Ma non è solo l’impressionante bravura dello staff che cattura i visitatori e li lascia senza fiato. E’ l’atmosfera stessa del luogo, dalla straordinaria struttura del circo, formato da tendoni separati anziché da un unico tendone, al gioco sensoriale che coinvolge non solo quello che si vede ma anche quello che si sente e si percepisce, tanto da arrivare al punto da chiedersi se l’intera esperienza non sia in realtà solo un parto dell’immaginazione.

Come fa un circo ad apparire e sparire in così poco tempo? Come possono gli spettacoli cambiare così tanto durante il loro stesso svolgimento?

Nemmeno a chi lavora nel circo stesso è dato saperlo. Sono solo due le figure che comprendono, seppur limitatamente, che cosa è realmente il Circo dei Sogni: niente di più che un terreno di gioco creato ad hoc per una grande sfida di magia.

I due contendenti non si conoscono ma sono stati plasmati dai loro mentori all’unico scopo di dimostrare la loro supremazia nel campo della magia, attraverso una serie infinita di duelli che porteranno al completo annientamento dell’avversario.

L’esistenza stessa del Cirque des Rèves è legata a quella dei duellanti: non appena la sfida si concluderà anche il circo e chi vi lavora periranno.

Ma cosa succede se Clelia e Marcus, i due contendenti, finiscono per innamorarsi? Né l’uno né l’altra possono ritirarsi, purtroppo la sfida deve continuare fino a che non ne rimarrà soltanto uno.

Come fare in modo allora di uscirne vivi mantenendo allo stesso tempo intatta la struttura del circo? L’unica soluzione è quella di trovare qualcuno disposto ad accollarsi l’arduo compito di non far spegnere la scintilla magica…

“Il circo della notte” di Erin Morgenstern: recensione

Questo romanzo è davvero qualcosa di magico. Il punto di forza sta sicuramente nella capacità evocativa delle descrizioni che senza troppi orpelli ma in modo delicato sanno comunicare tutta la magia del Cirque des Rèves.

Dal punto di vista della narrazione la storia si svolge su piani temporali differenti: flash back sull’infanzia dei due protagonisti, ma anche ricordi della vita degli altri personaggi.

Anche il punto di vista cambia a seconda di chi in quel momento sta vivendo la storia: ci sono dei brevi capitoli scritti in prima persona che si rivolgono direttamente al lettore tanto da dare davvero l’impressione di muoversi nel circo stesso.

Devo dire che l’ho trovato un libro gradevole, anche se ci sono alcuni aspetti che mi hanno lasciata perplessa. Tutto sommato l’idea è davvero originale, la storia dell’epica battaglia che si protrae da tempo immemore tra due avversari che si apprezzano e si temono e che coinvolge in epoche storiche “campioni” differenti.

Anche la questione del libero arbitrio e dell’impossibilità di sottrarsi alla sfida mischiata alla storia d’amore (sì, magari un po’ scontata) mi è sembrata comunque credibile e ben argomentata.

La mia perplessità nasce dal fatto che è un romanzo senza reali colpi di scena, a parte la morte di uno dei personaggi. Ma questo delitto giunge inaspettato perché in realtà non è funzionale alla trama del libro: anche se non fosse avvenuto non sarebbe cambiato nulla. Quindi perché metterlo?

Detto questo, “Il circo della notte” è un romanzo che consiglio vivamente di leggere, per chi ama le storie di amore tormentate e per chi invece apprezza il mistero e il fantasy.

Erin Morgenstern con questo suo primo libro si dimostra un’abile scrittrice che promette bene. Ora devo recuperare il secondo romanzo.

E voi cosa state leggendo in questo periodo?

Come sempre, un grande ringraziamento a Paola di “Homemademamma”, la creatrice del venerdì del libro.

SCHEDA TECNICA

Titolo: Il circo della notte
Titolo originale: The night circus
Autore: Erin Morgenstern
Traduttore:  M. Magri
Casa editrice: Rizzoli
Anno pubblicazione: maggio 2017
Pagine: 460

 

Facebook Comments

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *