LA FORMA IMPERFETTA DELLE NUVOLE DI ANTONELLA ZUCCHINI

Questo venerdì settembrino, bigio e grigio, mi mette addosso un po' di malinconia.

E la malinconia, si sa, porta con sé molti ricordi, a volte felici e a volte tristi.

Lo sanno molto bene i protagonisti del libro che vi presento oggi, "La forma imperfetta delle nuvole" di Antonella Zucchini, che ringrazio per avermi mandato in anteprima i primi tre capitoli del romanzo.

Prima di iniziare, come sempre, un doveroso ringraziamento a Paola, di Homemademamma, creatrice del venerdì del libro.

La forma imperfetta delle nuvole di Antonella Zucchini: brevi cenni alla trama

"Casa serena" è un centro diurno per anziani, che accoglie le più disparate personalità.

Vecchietti di ogni genere, con le loro manie e i loro problemi, personale variegato e dalle storie impensabili.

Le voci narranti della Dide, di Giovanni, di Caterinangela, della Santuzza, della Zelmira e degli altri ospiti di "Casa serena" sono i binari che ci conducono in un viaggio nel passato.

I loro ricordi, a volte tragici a volte allegri, ci mostrano lo spaccato della terra fiorentina con excursus che arrivano fino a prima della Grande Guerra.

Le storie di questi personaggi, ognuno appartenete ad una classe sociale differente, dipingono un quadro complesso e veritiero di com'era la vita in quel periodo storico: la fatica del lavoro, la dignità della gente umile, la felicità delle piccole cose, gli enormi dolori che la guerra ha portato con sé.

Ma si parla anche di rinascita, sociale ed economica, del periodo degli anni Sessanta, della rivolta sindacale e del potere delle donne.

Un viaggio lungo quasi un secolo, che non tralascia il periodo attuale, più vero della Storia ufficiale che si apprende sui manuali di scuola.

La storia di Santuzza e Zelmira, separate in tenera età a causa della stupidità umana, che si ritrovano ormai vecchie a "Casa serena" dimostra come il destino lavori per vie oscure e imprevedibili.

Quel destino scritto proprio nelle nuvole e nella loro forma imperfetta, così come imperfetti siamo noi esseri umani.

Le guardi ancora le nuvole?

E' nella loro forma imperfetta che intravedi la perfezione del mondo.

Un po' come la vita, se ci pensi, che non sempre è perfetta, anzi non lo è quasi mai, ma se la sai guardare dal lato giusto può offrire prospettive inaspettate"

La forma imperfetta delle nuvole di Antonella Zucchini: recensione

Con "La forma imperfetta delle nuvole" Antonella Zucchini ci riporta nella sua amata terra, la Toscana.

Collaudando una forma di narrazione a lei cara, che mischia eventi passati ad eventi attuali, ci regala un'altra volta un romanzo carico di emozioni.

Attraverso le molte voci narranti, abilmente alternate, l'autrice ci fa indignare, commuovere, ridere, sospirare, divertire e riflettere.

Soprattutto riflettere: sull'animo umano, portato a cadere sempre nei soliti errori, sull'imperfezione di ognuno di noi, sull'intensità dei sentimenti da cui a volte non si può proprio riuscire a sfuggire.

In questo romanzo la scrittrice ci insegna a capire, attraverso un'accurata e spassionata analisi, cosa significa invecchiare: il decadimento del corpo, la perdita di lucidità, la sensazione di abbandono.

Ma, soprattutto, la dignità di ogni essere umano, la sua unicità che sta proprio nell'essere imperfetto.

"La forma imperfetta delle nuvole" ci dimostra in modo lampante che grande risorsa siano gli anziani, che detengono la memoria storica e fungono da tramite per le generazioni future.

Ho adorato questo libro, dalla prima all'ultima riga.

Rispetto ai due romanzi precedenti, "Fiore di Cappero" e "Tutto il resto vien da sé" l'ho trovato più maturo, più profondo, sia nell'impianto narrativo sia nelle tematiche affrontate.

Mi sento quindi di consigliarne la lettura.

E, ad Antonella, suggerisco di iniziare a scrivere il quarto romanzo.

Chi di voi conosce questa scrittrice italiana?

Ed ecco la scheda del libro

Titolo: La forma imperfetta delle nuvole

Autore: Antonella Zucchini

Editore: Ciesse Edizioni

Anno di pubblicazione: luglio 2018

Pagine: 384

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *