4

Ho approfittato del bel sole primaverile del lunedì dell'Angelo per regalarmi due ore di sana lettura, solo per me.

Mentre i bambini scorrazzavano sui prati fioriti come due selvaggi, mi sono seduta comodamente ai piedi di un olivo e ho iniziato a leggere "Viola e verde".

"Viola e verde" di Pamela della Mina è il primo (e mi auguro non ultimo) romanzo letto grazie al book-crossing ideato dalla creatrice del blog Fiore di Collina.

Pamela della Mina in sole 160 pagine ci presenta una serie di variopinti personaggi.

Dalle tinte più brillanti alle tonalità più opache e torbide, attraverso i colori l'autrice ci guida fin nei recessi più reconditi e segreti dell'animo umano.

La storia narrata in "Viola e verde" è un racconto che parla di amicizia, di amore, di relazioni umane e di personalità border-line con un finale a sorpresa.

E' un romanzo forte, che ti colpisce nel profondo, dove a farla da padrone sono le emozioni e i sentimenti, quelli che la giovane Futura tiene schedati e imprigionati in un armadio viola.

Viola e verde sono colori estremi proprio come i protagonisti del romanzo stesso.

Allo stesso modo rappresentano però due facce della stessa medaglia: un paio di lenti bicromatiche con cui osservare una Milano opaca e tediosa, in una perfetta bicromia sinfonica.

Attraverso un surreale caleidoscopio, veniamo scaraventati in un mondo in cui "le cose vanno come devono andare", dove il libero arbitrio serve "per scegliere il percorso, ma non la destinazione".

Mi chiamo Melarancia Ripamonti de-Lie [...] Proteggo ragazze fiere, confuse, depresse, euforiche, fragili, violente, ingenue, sfiduciate, arrabbiate; sommate e sottratte insieme"

"Lei era Futura, ma era anche Giada, era Sara, era Diana. E ora che le loro scatole erano aperte, le ragazze le volteggiavano intorno."

In conclusione, "Viola e verde" è un libro da leggere tutto d'un fiato da cui è impossibile staccarsi e al termine del quale è impensabile essere come prima.

Credo che dovrebbe essere consigliato come proposta di lettura anche nelle scuole, magari in terza media o prima superiore.

Oltre a Fiore, come sempre, ringrazio Paola di Homemademamma, la creatrice del venerdì del libro

2

Domani sarà il primo giorno di primavera.

Secondo il calendario, almeno.

Perché basta guardare fuori dalla finestra per accorgersi del contrario: attualmente qui da me scende pioggia alternata a qualche fiocco di neve.

Insomma, sembra che quest'anno l'inverno non  voglia proprio mollare e cedere il passo alla bella stagione.

Io però, in barba alle avverse condizioni meteo, mi sto già preparando all'arrivo della primavera.

Come?

Non pensandoci affatto.

Perché la primavera per una mamma significa soprattutto una sola cosa: il cambio degli armadi dei propri figli.

Non c'è niente di così odioso, faticoso, aberrante e alienante del cambio di stagione degli armadi dei pargoli, nemmeno il nostro.

Questo perché normalmente noi non incorriamo in importanti modifiche fisico-strutturali di stagione in stagione.

Il che significa che quel che ci andava bene la primavera scorsa novantanove su cento ci andrà bene anche questa primavera, salvo non siate state così brave e fortunate da essere finalmente riuscite a perdere peso.

Inutile sottolineare come io non rientri in questa cerchia privilegiata, vero?

Certo, c'è la questione dei trendy di stagione e dei nuovi must, ma tutto sommato sono cose che possiamo tranquillamente riuscire a gestire archiviando i capi che sono definitivamente fuori moda e sostituendoli con qualche oufit più attuale.

Ma il cambio armadio dei bambini è un altro paio di maniche.

Prendiamo per esempio il caso di mia figlia.

La Ninfa è cresciuta di quasi dieci centimetri rispetto allo scorso anno, anche se a livello di peso è rimasta praticamente invariata (l'ho già detto, vero, che non somiglia a me?).

Il che significa che è praticamente impossibile che a primavera potrà indossare qualche capo della scorsa stagione.

Ma ci sono tutti quei vestiti regalati o accantonati gli anni precedenti che sono da rivalutare.

Non fatevi trarre in inganno dal verbo "rivalutare", perché sembra quasi innocuo ma non lo è affatto.

"Rivalutare" significa che la povera madre,  flippata per aver passato dieci ore fuori casa per lavoro, dopo aver imbastito alla bell'è meglio una cena commestibile , dopo aver fatto il minimo sindacabile per rendere la casa agibile, deve trascinare giù dal solaio scatole di abiti e convincere la figlioletta, con lusinghe alternate a minacce,  a provarsi i vari capi per vedere se le vanno bene oppure no.

Putacaso che la bimba adori sì provarsi i vestiti, ma che abbia anche una particolare propensione a non volersi levare il vestitino vichy nuovo nuovissimo perché le sta tanto bene e che voi perdiate un'altra ora del vostro già scarso tempo per convincerla?

Moltiplicate questo intero processo per il numero di abiti che dovete rivalutare, sommatelo alla stanchezza della madre, sottraete le ore di tempo perse, dividete infine per la pazienza che non è un numero infinito anche se tendente ad esso e avrete ottenuto il risultato di quanto la primavera possa essere una vera rottura di palle per una mamma.

Prepararsi all'arrivo della primavera è una faccenda seria e bisogna giocare d'anticipo.

Ecco perché, dall'alto della mia esperienza, mi sento abbastanza accreditata per darvi questi preziosi suggerimenti:

  1. procuratevi dei buoni integratori per aiutarvi contro la stanchezza fisica e psicologica, come per esempio del magnesio;
  2. cercate di fare una leggera attività sportiva, qualche flessione o qualche squat che vi aiuteranno nel sollevamento degli scatoloni;
  3. non sottovalutate l'importanza dello streching: non vorrete mica ritrovarvi con il colpo della strega o lo stiramento dei muscoli delle gambe dopo aver rincorso quel velocista di vostro figlio che non ne vuole affatto sapere di provare i vestiti?
  4. meditate di comperare qualche nuovo oggetto per la casa, come per esempio un nuovo vaso Lalique per sostituire quello che si è inavvertitamente frantumato quando il vostro invasato figlio treenne ha lanciato la scarpa da ginnastica che stavate tentando di infilargli al piede;
  5. cercate di rilassarvi, ascoltate musiche zen, utilizzate gocce di olio essenziale alla lavanda e curate l'alimentazione: no ai fritti e ai cibi troppo elaborati sì a frutta e verdura di stagione: provate a riacchiappare il figlio di turno dopo aver mangiato la polenta con lo spezzatino o la parmigiana di melanzane!

Quando avrete fatto il cambio degli armadi dei vostri bambini, passate subito al vostro: sono abbastanza sicura che la vecchia gonna che l'anno scorso non vi entrava più ora, come per magia, vi calzerà a pennello.

Con questi cinque semplici consigli, care mamme, vedrete che arriverete alla primavera  fresche, riposate e in forma smagliante.

E se vi fa piacere, potete indicarmi voi quali sono le vostre strategie per prepararvi all'arrivo della belle stagione.

Ne farò davvero tesoro, credetemi.

 

 

 

 

Ci siamo, l'otto marzo è tornato e le mimose hanno invaso le  bacheche di Facebook, Instagram e Pinterest rubando per un giorno la scena ai tenerissimi gattini.

Donne che si scambiano gli auguri, uomini che si sono appuntati di farli a mamme, mogli e colleghe, venditori improvvisati di regali a tema ai bordi delle strade.

Stasera, assieme alla vecchia che verrà bruciata in occasione del giovedì grasso, esponenti del gentil sesso si riuniranno in congreghe per festeggiare con bagordi più o meno spinti il giorno a noi dedicato.

La festa della donna è un altro di quei temi (assieme all'allattamento e alla depilazione) che spacca a metà l'universo femminile.

C'è chi la celebra a tutti i costi e c'è chi invece preferisce non farlo.

Io sono contraria all'uso del termine "festeggiare".

A mio parere, più che di festeggiamenti si dovrebbe parlare di commemorazione.

L'otto di marzo è una giornata commemorativa in cui si ricordano tutte le tappe significative che hanno portato noi donne dove siamo adesso, dal punto di vista sociale, culturale ed economico.

Non credo che a nessuno sia mai venuto in mente di svilire la giornata della memoria andando in giro a gozzovigliare o a far baldoria.

Perché non dovrebbe essere lo stesso nella giornata dedicata a noi donne?

L'otto di marzo, la festa della donna, per me è un momento di riflessione anche personale: penso a chi sono, alla strada che ho fatto per essere quella che sono, a cosa sto facendo ora.

E sì, mi faccio anche i complimenti e mi do delle belle pacche sulla spalla: perché nonostante tutto e tutti, nonostante la situazione del mondo lavorativo che non è sicuramente a favore di chi è donna e mamma, io vado avanti con energia e determinazione.

E se posso studiare e crescere, se posso avere un'indipendenza economica, se posso decidere quando e come esibire la mia femminilità lo devo a tutte le donne che sono venute prima di me.

Perciò, nel giorno della festa della donna, il mio ringraziamento va a tutte quelle figure femminili che stanno lentamente scomparendo dal nostro orizzonte culturale per lasciare il posto a feste in discoteca, pornodivi o cene luculliane di dubbio gusto.

Spero che ovunque si trovino queste vere donne abbiano di meglio da fare che guardare giù altrimenti chissà come rabbrividiscono!

E per finire, voglio condividere qui la mia personale selezione di frasi celebri che mi aiutano ad auto motivarmi e a migliorarmi giorno per giorno:

  • "Una donna intelligente riesce a far di tutto" Christine de Pizan

 

  • "Quello che noi facciamo è solo una goccia nell'oceano, ma se non lo facessimo l'oceano avrebbe una goccia in meno" Madre Teresa di Calcutta

 

  • "La chiave per realizzare un sogno non è focalizzarsi sul successo ma sul significato e poi anche i piccoli passi e le piccole vittorie lungo il nostro percorso prenderanno un significato più  grande" Oprah Winfrey

 

  • "Non farti dare limiti artificiali che non siano veramente tuoi. E soprattutto non darteli tu stessa, ma se hai dei sogni e delle ambizioni prova a trovare una strada" Samantha Cristoforetti

 

  • "Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo" Malala Yousafzai

Se non conoscete queste donne, vi consiglio di documentarvi. Potreste davvero rimanere sorprese...

E ora facciamo un gioco: mi dite quali sono le vostre eroine preferite, le donne di ieri e di oggi che ammirate di più?

Buona festa della donna a tutte, grandi e piccine. La strada per arrivare alla parità e all'uguaglianza in ogni angolo del mondo è ancora lunga e faticosa, ma insieme forse ce la possiamo fare.

2

La mamma malata è una tipologia di mamma talmente rara che a confronto è più facile imbattersi casualmente in un rinoceronte di Sumatra che in lei.

La mamma malata è talmente rara non perché la mamma non si ammali mai, ma perché quando capita (e comunque assai sporadicamente), la mamma continua a vivere la propria esistenza come se fosse sana.

Si alzerà al mattino prima di tutti gli altri, sentendosi magari un tantino fuori forma, imputando i dolori ossei all'ennesimo gomito del figlioletto piantato amorevolmente nelle costole durante la notte.

Preparerà la colazione, infischiandosene dei brividi di freddo, provocati sicuramente dal riscaldamento che non è ancora partito.

Mentre si guarda allo specchio, il naso rosso e gocciolante, le gote colorite sul viso pallido e gli occhi luccicanti, deciderà con una diplomatica alzata di spalle che oggi madre Natura ha messo in risalto proprio quei dettagli che tenta invano di valorizzare ogni giorno con sapienti dosi di trucco costoso.

La mamma ammalata si vestirà a strati, nel senso che indosserà almeno mezzo guardaroba in modo strategico per tentare di tenere a bada gli sbalzi termici, ché tanto la mezza stagione non c'è più, la mattina ti svegli al polo Nord e mezz'ora dopo sei più sudata di un escursionista nella foresta Amazzonica.

Dopo aver ficcato chiavi, portafoglio e fazzoletti in borsa, si appresterà a portare i pargoli nelle rispettive scuole, mentre il marito le lancia uno sguardo distratto, pensando che non ha proprio una bella cera, ma tanto non si ammala mai, sarà un po' di stanchezza o magari è proprio "in quei giorni", speriamo di no che stasera vuole vedere la sua trasmissione preferita in pace.

La mamma malata ignora i sintomi della malattia.

Il suo cervello si è evoluto in modo tale da razionalizzare ogni piccolo segnale e collegarlo ad altre cause meno pericolose.

L'evoluzione della specie ha fatto in modo che la donna, non appena diventa mamma, si costruisca una serie di false verità a cui attenersi in caso di estrema necessità.

Seguendo questi istintivi protocolli mentali, la mamma malata si dedica alle sue abitudinarie faccende.

A volte la mamma malata si rende conto di essere un tantino fiacca, ma il suo cervello è lì pronto a fornirle tutta una serie di possibili motivi, dal calo di magnesio al calo di zuccheri al cambio della pressione atmosferica.

Quindi la mamma malata prosegue trascinandosi tra una faccenda e l'altra, girovagando in stato di semi incoscienza.

La mamma malata mette il pilota automatico e a tratti ha quasi l'impressione di astrarsi dal suo corpo fisico, ma sicuramente è l'autosuggestione dovuta al film che ha visto la sera prima.

Alla mamma malata non viene minimamente in mente di ricorrere all'uso di un buon termometro per vedere se può avere la febbre.

Del resto, si sa, la mamma non si ammala mai.

Se madre Natura, che lei pure è mamma, si ammalasse, dove finiremmo tutti?

E infatti per la sopravvivenza della specie la mamma non si può ammalare.

Immaginate cosa succederebbe: bambini in balia di padri che in inverno li portano a scuola con la maglietta a mezze maniche, che usano l'aspirapolvere per fare i codini alle figlie, che comperano surgelati invece che portare in tavola i cavoletti di Bruxelles bio a Km zero, la polvere che ricopre ogni superficie della casa, il bagno in stato di inagibilità, gli animali domestici tornati allo stato brado...

E su tutto lei, la più temuta, la Nemesi di ogni mamma: la suocera che decide di farvi visita proprio quando vi siete decise ad ammettere che forse, sì, siete un pochino malate, magari avete preso l'influenza da uno dei vostri figli.

La mente della mamma malata rifugge da questo scenario apocalittico e si auto convince di non essere malata affatto, neppure quando si accascia in coda alla cassa del supermercato, sparpagliando arance e finocchi per ogni dove, le uova in bilico sulla testa e il sacchetto del pane tra i denti, ché tanto già che c'ero mi sono fermata a prendere quelle due cose che mi mancavano.

Il suo ultimo pensiero cosciente è che forse stamattina avrebbe dovuto prendere le vitamine, mannaggia, invece si dimentica sempre.

Prima o poi finirà per ammalarsi davvero se continua così!

9

Lunedì e martedì i miei bambini sono stati a casa  perché la materna era chiusa per il Carnevale.

Ieri sera, come facciamo sempre la domenica, ho fatto preparare loro gli zainetti.

Mentre infilava la salviettina nel suo zaino, la Ninfa mi spara a bruciapelo:

"Mamma, ma perché tu lavori?"

Ecco, i bambini tirano fuori queste domande esistenziali sempre nei momenti meno opportuni, tipo quando hai sul fornello la cena che cuoce, alla stesso tempo stai tentando di seguire il discorso del tuo compagno e organizzando mentalmente la giornata che verrà.

"Mamma, perché devi andare a lavorare?"  La Ninfa non demorde.

Se sei una mamma lavoratrice, prima o poi ti aspetti che i tuoi figli ti chiedano perché lavori.

E' una domanda inevitabile, sicura come la morte.

Proprio per questo mi ero già preparata una spiegazione a prova di bimbo.

Non voglio scendere in discorsi morali e filosofici o affrontare l'argomento in modo complicato.

Per ora non ha bisogno di sapere che nella società in cui viviamo avere un lavoro è quasi un lusso, non ha bisogno di sapere che in caso il papà perda il lavoro c'è sempre la mamma che può portare a casa lo stipendio.

Non è necessario che le dica quanto ho studiato per ritrovarmi poi a fare un lavoro che non è quello dei miei sogni, quanto mi costa adattarmi e quanto mi piange il cuore all'idea di perdermi tanti bei momenti con loro che so che non torneranno più.

Non è ancora il momento per tirare fuori motivazioni femministe, ma non voglio neppure che pensino che le donne devono necessariamente stare a casa a fare la calzetta.

Lavorare o no a volte è una libera scelta. Ma per essere tale uno deve avere le armi per poter decidere in base alla propria situazione.

Per cui prendo fiato e tento di spiegarle perché la sua mamma va a lavorare.

Come spiegare ai bambini perché la mamma lavora

Non so se ci sia un metodo universale per spiegare ai bambini perché la mamma lavora (che poi, fateci caso, raramente chiedono perché il papà lavora, sempre la mamma, eh!).

Io alla Ninfa che ha cinque anni l'ho spiegato in questo modo.

Ovviamente queste sono le mie personalissime ragioni.

"Amore, lo sai che vi voglio tantissimo bene, sia a te che a tuo fratello?

Proprio perché vi voglio bene desidero che voi abbiate la possibilità di fare tante belle esperienze che vi fanno imparare cose nuove e diventare persone interessanti.

E voglio farle anche io queste belle esperienze, assieme a voi e al papà.

Ecco perché la mamma e il papà vanno a lavorare: per guadagnare i soldi che ci servono per mangiare, per comperare i vestiti, per pagare l'asilo e per fare quello che ci piace.

Nel mondo dove viviamo se non hai i soldi tante cose non le puoi fare: non possiamo andare al mare in estate o viaggiare e visitare posti nuovi, non possiamo comperare i libri che ti piacciono tanto e a volte non possiamo neppure prendere i vestiti.

E per avere i soldi che ci danno la possibilità di fare tante cose belle e interessanti bisogna lavorare.

Se lavori sei indipendente e significa che puoi decidere come usare i tuoi soldi, senza chiedere niente alla mamma o al papà o ad altre persone.

Ci sono persone fortunate che di lavoro fanno qualcosa che piace loro e ci sono persone meno fortunate a cui andare a lavorare non piace molto ma lo fanno per necessità.

Anche tu e Ringhio, quando sarete grandi, se sarete fortunati potrete fare il lavoro che vi piace.

Cosa ti piacerebbe fare?"

"Quella che vende i gelati" risponde mia figlia prontamente.

Beh, viva l'ambizione! L'importante è la felicità, ovviamente, ma mi aspettavo qualcosa di meglio.

"Tesoro, tu lo sai che puoi diventare quello che vuoi, vero?

Puoi fare qualsiasi tipo di lavoro."

"Anche Ringhio può fare qualsiasi tipo di lavoro?"

"Sì, certo, anche lui può fare quello che gli piace"

"Proprio tutto tutto? Anche la mamma?"

"Oddio, amore, si brucia la pappa!"

A volte una ritirata strategica è meglio che imbarcarsi in un discorso complicato.

Ogni cosa a suo tempo. Io non sono ancora pronta per questo.

E voi avete spiegato ai vostri figli perché lavorate o perché non lavorate?

2

Oggi per il #venerdìdellibro voglio presentarvi un romanzo che mi ha irretito fin dalle prime pagine.

Sto parlando di "Le nemiche", l'ultima creatura di Carla Maria Russo.

Chi mi segue per la parte letteraria si ricorderà che avevo già dedicato un post ad un suo romanzo precedente, "Lola nascerà a diciott'anni" (se ve lo siete persi potete leggere la recensione qui).

E non dimentichiamoci che ho avuto modo di incontrare Carla Maria Russo di persona, in occasione del Book City Milano, proprio lo scorso mese e ho deciso di condividere con voi la mia esperienza.

Quel giorno ho fatto autografare la mia copia de "Le nemiche", libro di cui ho rimandato la lettura a dopo la presentazione.

"Le nemiche" di Carla Maria Russo

Ho divorato "Le nemiche" in un batter d'occhio, ma come spesso accade con certi romanzi ho avuto bisogno di un attimo di tempo per far sedimentare le informazioni ma soprattutto le emozioni.

L'ultima opera di Carla Maria Russo è dedicata a due famose figure femminili molto controverse: Isabella d'Este e Lucrezia Borgia.

Come ha spiegato l'autrice stessa, nei suoi libri, categorizzati come storici, prende in analisi solo una piccola finestra temporale dove si svolgono i fatti che  l'hanno colpita e di cui ha deciso di narrare.

In questo caso l’azione si svolge tra il giugno 1501 e il novembre 1508, con due accenni ad alcuni fatti avvenuti nel 1540 e nel 1559.

Isabella d'Este, primadonna della penisola italica e non solo, indiscusso punto di riferimento per la cultura dell'epoca, donna colta, raffinata e fine stratega, apprende che il padre, il duca di Ferrara Ercole I, ha deciso per motivi politici ed economici di far sposare il figlio Alfonso, designato ad essere suo erede, con Lucrezia Borgia.

Lucrezia, figlia illegittima di Papa Alessandro VI, con alle spalle due precedenti matrimoni finiti tragicamente, è la donna più chiacchierata del tempo, famosa oltre che per la sua bellezza anche per il suo stile di vita libertino e sfarzoso.

Il perno del romanzo è l'inimicizia acerrima tra queste due figure centrali, scaturito più che da fatti concreti dai pregiudizi che l'una ha dell'altra.

Non aspettatevi di trovare qui due donne con istinti materni o  donne disposte a sacrificarsi o a farsi mettere da parte.

Tutt'altro: siamo di fronte a due potenze, terribilmente abili nella manipolazione del prossimo, il cui unico scopo è quello di ottenere il potere assoluto e prevaricare sull'avversaria.

Isabella e Lucrezia, per dirla come si usa oggi, non si sono prese, provano l'una per l'altra un'antipatia a pelle che sarà purtroppo la rovina di molti.

Isabella teme Lucrezia, che disprezza perché di sangue non puro: ha sempre il presagio che porterà sfortuna alla sua famiglia. La ritiene capricciosa, vanesia e superficiale.

Dal canto suo Lucrezia invece ha paura di Isabella, perché conosce la sua intelligenza e sa quanto può essere influente la rivale in campo politico.

La loro relazione inizia già male in partenza e le due donne sono destinate ad essere nemiche giurate.

Questo genera anche la nascita di due schieramenti in guerra tra loro, tra cui si annidano spie pericolose: la corte dei Gonzaga a Mantova e quella degli Este a Ferrara.

Ma "Le nemiche" va oltre e ci mostra un quadro storico d'insieme, in cui vediamo le varie corti rinascimentali sull'orlo del collasso, pressate dai Francesi a Nord e dagli Spagnoli a Sud.

Nelle vicende hanno grande rilievo anche le manie d'espansione della Chiesa, guidata dal papa Alessandro VI e dal fratello di Lucrezia.

Questo è lo scenario su cui si muovono le nostre due donne.

Lucrezia, sposata con Alfonso, rimasto vedovo della precedente moglie, Anna Maria Sforza, tenta in qualche modo di emulare la rivale, convincendo personaggi famosi, come scrittori e pittori, a far parte del suo entourage.

La duchessa di Ferrara riesce a portare dalla sua parte anche alcuni artisti convocati alla corte di Isabella.

Tale smacco, assieme all'ascendente che la bellezza di Lucrezia pare esercitare su tutti i suoi fratelli, scatena le ire di Isabella che tenta in ogni modo di osteggiare l'avanzata di Lucrezia.

La giovane, quasi animata da una segreta voglia di rivalsa e riscatto, riesce perfino a far innamorare di sé Francesco II, duca di Mantova nonché marito di Isabella.

La quale, ovviamente, non esita un solo istante a vendicarsi della rivale.

Nella solitudine del suo studiolo, luogo dedicato all'arte e alla perfezione a cui la donne tende con tutta se stessa, Isabella ordisce un piano diabolico per lavare l'onta dell'oltraggio subito.

Oltre alle due donne principali, nel libro vengono narrate anche le vicende di altri personaggi che hanno un ruolo comunque determinante nello svolgimento della storia.

Tra questi voglio solo citare Angela, cugina di Lucrezia, e il fratellastro di Isabella, Giulio, la cui relazione provoca le ire di Ippolito, vescovo e fratello della duchessa di Mantova e che sarà uno dei fattori scatenanti della sanguinarie vicende successive.

Tra tremendi colpi di scena, omicidi, inganni e sotterfugi Carla Maria Russo ci condurrà ad un finale davvero epico.

"Le nemiche" è sicuramente un romanzo al femminile, ma che presenta due tipologie di donne ben lungi dal concetto di femminilità e maternità che ci si potrebbe aspettare di trovare in un romanzo d'ambientazione.

L'autrice sceglie infatti di mettere in scena la guerra dei sentimenti, la battaglia tra potere e amore.

Attraverso una narrazione elegante ma non vezzosa, diretta e incisiva, Carla Maria Russo rappresenta a tinte vivaci la vita delle  e nelle corti rinascimentali, quasi come se fossero degli organismi viventi sempre in divenire.

Alla base della storia ci sono le passioni umane, dall'amore puro di Giulio all'invaghimento passionale e possessivo di Ippolito, a quello platonico di Isabella a cui fa da contraltare quello più fisico di Lucrezia.

Ma ci sono anche altre forme d'amore come per esempio quello fraterno che prova Isabella o quello materno che prova la cognata di Isabella che non ha potuto avere figli per le due nipotine figlie della duchessa di Mantova.

Otre alla verosimiglianza, l'aspetto che apprezzo di più ne "Le nemiche" è il taglio dato dalla scrittrice ai personaggi, soprattutto alle due protagoniste.

Isabella D'Este e Lucrezia Borgia ci vengono descritte attraverso il loro comportamento, le loro azioni e i loro pensieri, ma mai in maniera troppo positiva o troppo negativa.

Però è inevitabile schierarsi. Io ho deciso a quale corte appartenere, ma non ve lo svelerò ora.

Se avete letto il libro, mi dite voi da che parte state?

"Le nemiche" mi ha fatto molto riflettere su quanto possono fare le donne in qualsiasi epoca.

Pensiamo a cosa avrebbero potuto creare Isabella e Lucrezia se si fossero date l'opportunità di conoscersi davvero, se fossero andate oltre i pregiudizi e le gelosie.

E riflettiamo allo stesso modo su quanto a volte noi donne ci osteggiamo e ci ostacoliamo a vicenda in qualsiasi campo, perfino nell'essere madri.