piccole-donne-crescono-guida-semiseria-figlia-preadolescenza
vita con i bambini

Tanti auguri, monella! Piccole donne crescono


Nel giorno del tuo compleanno, cara figlia, vorrei regalarti un po’ di conoscenza, qualche consiglio che ci si tramanda da madre a figlia, anzi da donna adulta a donna giovane o in procinto di diventarlo.

Niente di troppo serio, si tratta di cose banali ma che se una le sa prima magari le risparmiano tutta una serie di errori e inghippi e perdie di tempo e sonno.

Così, forse, salti direttamente la fase error e plani più dolcemente sulla linea di arrivo.

Non sono in ordine di importanza, chè coi tempi travagliati che corrono già afferrare un pensiero è difficile figurarsi assegnargli una priorità.

Siediti comoda e non interrompermi o alzare gli occhi al cielo, che nove anni non fanno di te una donna arrivata.

 

  • Cara bimba, non è vero che i diamanti sono imigliori amici di una donna.La migliore amica di una donna, infatti, è una e una sola: la mooncup, detta anche coppetta mestruale.

Credimi, mi ci sono voluti 40 anni per capirlo, ma solo lei ti permette di essere veramente libera di fare paracadutismo, spaccate,                       ruote, usare il perizoma o andare in giro vestita di bianco quando hai il ciclo.

Non devi ricordarti di cambiarti, non devi decidere tra assorbente interno o esterno, tra ali e senza ali, non devi preoccuparti durante la           notte di macchiarti perché dormi in posizioni strane, disciplina in cui tu sei gran maestra. Ti infili la coppetta e vai!

  • Circondati di amiche di tutti i generi: quella secchiona, quella leggera, quella turbolenta, quella pigra, quella timorosa, quella lagnosa, quella avventurosa…

Le amiche sono come le ciliegie, una tira l’altra e non sono mai abbastanza. Ma ricordati una cosa, cara bimba: non tentare mai di farle             diventare amiche tra di loro.

Sì, perché le donne sono così: dire gruppo uguale dire guai. E’ come tentare di mettere nella stessa stanza venti gatti e pretendere che a             lungo andare non si accapiglino tra di loro. Frequentale, aiutale, sostienile, ascoltale tutte ma separatamente.

  • Qualunque persona frequenterai, ricordati che tu sei tu, unica e incredibile e perfetta.

Segui la filosofia dell’acqua, che si adatta ad ogni contenitore senza perdere mai la sua essenza. Non importi, non essere troppo                         caparbia, abbi rispetto per gli altri, ma soprattutto metti te stessa al centro: se non stai bene con te stessa non starai mai bene nemmeno            con gli altri.

  • Non appoggiarti mai troppo a nessuno, perché questa non è amicizia e nemmeno amore, ma solo dipendenza emotiva e, come tutte le dipendenze, alla lunga fa male, anzi malissimo.
  • Checché ne dica la moda, i leggins non sono pantaloni e non vanno considerati come tali e la biancheria intima nera sotto il bianco o il beige è semplicemente inguardabile, come gli uomini con i calzini e i sandali.
  • Non uscire mai di casa senza una spruzzata del tuo profumo preferito, perchè questo semplice gesto ti fa partire col piede giusto.
  • Diffida di chi inizia i discorsi dicendo “fidati di me”: se ti stanno vendendo qualcosa ti rifilano un pacco, se invece non sono venditori ancora peggio.
  • Sentiti libera di cambiare opinione su tutto: solo chi è stupido a 40 anni vede le cose come a 20.
  • Non sentirti mai troppo vecchia per cantare a squarciagola quando sei felice.
  • Chiedere scusa non è un segno di debolezza, ma bisogna sapere come farlo.
  • I libri non sono mai abbastanza così come il cioccolato.

 

Ora andiamo a festeggiare, che nove anni sono una meta importante. Poi con il tempo capirai…

Intanto auguri bimba cara! Buon compleanno!

 

L’immagine utilizzata è stata presa da https://it.freepik.com/foto/cibo”>Cibo foto creata da freepik

Facebook Comments

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *