libri per mamme e papà

Viola e verde di Pamela della Mina

 

Ho approfittato del bel sole primaverile del lunedì dell’Angelo per regalarmi due ore di sana lettura, solo per me.

Mentre i bambini scorrazzavano sui prati fioriti come due selvaggi, mi sono seduta comodamente ai piedi di un olivo e ho iniziato a leggere “Viola e verde”.

“Viola e verde” di Pamela della Mina è il primo (e mi auguro non ultimo) romanzo letto grazie al book-crossing ideato dalla creatrice del blog Fiore di Collina.

Viola e Verde di Pamela della Mina: recensione

Pamela della Mina in sole 160 pagine ci presenta una serie di variopinti personaggi.

Dalle tinte più brillanti alle tonalità più opache e torbide, attraverso i colori l’autrice ci guida fin nei recessi più reconditi e segreti dell’animo umano.

La storia narrata in “Viola e verde” è un racconto che parla di amicizia, di amore, di relazioni umane e di personalità border-line con un finale a sorpresa.

E’ un romanzo forte, che ti colpisce nel profondo, dove a farla da padrone sono le emozioni e i sentimenti, quelli che la giovane Futura tiene schedati e imprigionati in un armadio viola.

Viola e verde sono colori estremi proprio come i protagonisti del romanzo stesso.

Allo stesso modo rappresentano però due facce della stessa medaglia: un paio di lenti bicromatiche con cui osservare una Milano opaca e tediosa, in una perfetta bicromia sinfonica.

Attraverso un surreale caleidoscopio, veniamo scaraventati in un mondo in cui “le cose vanno come devono andare”, dove il libero arbitrio serve “per scegliere il percorso, ma non la destinazione”.

Mi chiamo Melarancia Ripamonti de-Lie […] Proteggo ragazze fiere, confuse, depresse, euforiche, fragili, violente, ingenue, sfiduciate, arrabbiate; sommate e sottratte insieme”

“Lei era Futura, ma era anche Giada, era Sara, era Diana. E ora che le loro scatole erano aperte, le ragazze le volteggiavano intorno.”

In conclusione, “Viola e verde” è un libro da leggere tutto d’un fiato da cui è impossibile staccarsi e al termine del quale è impensabile essere come prima.

Credo che dovrebbe essere consigliato come proposta di lettura anche nelle scuole, magari in terza media o prima superiore.

Spero che questa scrittrice emergente continui e ci regali altri interessanti romanzi.

L’Italia è piena di autori alle prime armi, come Davide Rossi o Daniela Ruggero ed è carino, secondo me, che oltre a parlare degli scrittori più noti si parli ogni tanto anche di loro.

Oltre a Fiore, come sempre, ringrazio Paola di Homemademamma, la creatrice del venerdì del libro

Facebook Comments

Last Updated on

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *